QR code per la pagina originale

Google e Disney portano Chrome nel mondo di Oz

Disponibile dal 5 febbraio un sito 3D interattivo dedicato alla pellicola "Il grande e potenze Oz", realizzato da Google e Disney in esclusiva per Chrome.

,

Google ha siglato una partnership con Disney per lanciare un nuovo esperimento legato a Chrome, un’ennesima prova di forza del browser e delle potenzialità messe a disposizione dalle più moderne tecnologie introdotte in ambito Web. Si tratta questa volta di un sito interattivo e realizzato completamente in 3D, ispirato al mondo ricreato nel film “Il grande e potenze Oz” (“Oz: The Great and the Powerful” in lingua originale), in arrivo nelle sale cinematografiche statunitensi l’8 marzo come prequel de “Il mago di Oz”.

Il portale sarà disponibile a partire dal 5 febbraio all’indirizzo FindYourWayToOz.com, al momento non raggiungibile, ed è stato presentato nella giornata di ieri con un evento stampa andato in scena nella sede Google di Los Angeles. I presenti alla conferenza hanno parlato di un’esperienza innovativa, che permetterà all’utente di cimentarsi con giochi, editor per fotografie da scattare mediante la webcam, audio, video e spezzoni tratti dal cortometraggio. Il tutto senza richiedere l’installazione di alcun plugin aggiuntivo nel software di navigazione.

L’intera esperienza potrà essere utilizzata direttamente nel browser Chrome, senza alcun plugin.

Nel sito ci saranno divertenti giochi interattivi: ad esempio per scattarsi una fotografia all’interno di un circo e poi condividerla.

Tutto questo è reso possibile dall’impiego delle librerie WebGL, Web Audio API e della tecnologia WebRTC, che consentono rispettivamente di riprodurre animazioni, contenuti multimediali o elementi interattivi senza ricorrere a componenti aggiuntive come Flash o QuickTime, e di gestire flussi audio-video in tempo reale con il browser. Di WebRTC (Real-Time Communications) si è già parlato in passato, in quanto permetterà agli utenti di effettuare videochiamate e conferenze online direttamente all’interno del software per navigare, senza affidarsi a software esterni.

Fonte: Deadline • Notizie su: , ,