QR code per la pagina originale

Kaspersky blocca l’accesso a Internet su Windows XP

A causa di un update per il database delle firme, diversi prodotti antivirus di Kaspersky hanno bloccato l'accesso ad Internet ai computer Windows XP.

,

Kaspersky ha inavvertitamente rilasciato un aggiornamento per i suoi prodotti che impedisce agli utenti Windows XP di accedere ad Internet. La scorsa notte migliaia di computer sono stati tagliati fuori dalla Rete, in quanto l’antivirus ha erroneamente rilevato un pericolo per la sicurezza, attivando il blocco della porta 80 utilizzata dal traffico HTTP sui sistemi Windows. La software house russa ha rapidamente fornito una soluzione al problema.

La prima segnalazione è stata pubblicata da un utente sul forum del Kaspersky Lab. Gli antivirus effettuano il monitoraggio in tempo reale del traffico Internet alla ricerca di eventuali malware. Dopo aver installato l’update 8.1.0.831, tutti i computer con Windows XP non riescono più a visualizzare i siti web. Per ripristinare il normale funzionamento è necessario disattivare il controllo della porta 80 oppure recuperare la precedente versione del database delle firme, mediante un rollback.

Kaspersky ha chiesto scusa per l’inconveniente, spiegando la causa del problema:

L’errore è stato causato da un update per il database rilasciato lunedì 4 febbraio. Il problema è limitato ai sistemi x86 sui quali sono installati i seguenti prodotti:

  • Kaspersky Anti-Virus per Windows Workstations 6.04 MP4
  • Kaspersky Endpoint Security 8 per Windows
  • Kaspersky Endpoint Security 10 per Windows
  • Kaspersky Internet Security 2012 e 2013
  • Kaspersky Pure 2.0
Kaspersky Internet Security

Kaspersky Internet Security 2013

Se il nuovo database delle firme viene installato tramite la Administration Kit/Security Center console, l’update verrà installato automaticamente. Gli utenti che invece scaricano l’aggiornamento dai server Kaspersky devono prima disattivare il componente Web Anti-Virus. In questo modo verrà ripristinato l’accesso ad Internet e potrà essere scaricato il database più recente.

Fonte: The Next Web • Notizie su: