QR code per la pagina originale

SugarSync 2.0, nuova interfaccia e app Android

SugarSync ha rinnovato completamente il layout dell'applicazione, introducendo anche un drive virtuale e altre interessanti funzionalità.

,

Dopo diversi mesi di test pubblici e privati, SugarSync 2.0 è finalmente disponibile per il download e l’installazione su Windows, Mac OS X e Android. La nuova versione del client è stata completamente riprogettata e ora offre un’interfaccia utente più ordinata, oltre ad una migliore gestione dei file e delle cartelle da condividere e sincronizzare. La versione per iOS verrà invece rilasciata nelle prossime settimane.

SugarSync 2.0 per desktop non viene avviata a schermo intero, ma l’interfaccia occupa uno spazio ridotto (somiglia ad un’app per iPhone) e possiede quattro schede principali: Cloud, Condivisione, Attività e Ricerca. Cloud mostra tutte le cartelle del computer sincronizzate con SugarSync, ma è possibile selezionare da un menu solo quelle di un computer specifico. Per aggiungere un file o una cartella è sufficiente trascinarli all’interno dell’area tratteggiata. In alternativa, si può cliccare sul pulsante Seleziona.

Cliccando invece su una cartella, viene visualizzata una schermata in cui è possibile specificare un’etichetta, scegliere le sottocartelle, attivare/disattivare la sincronizzazione e attivare la condivisione. Esistono due metodi di sharing: privato e pubblico. Nel primo caso, l’utente deve indicare l’indirizzo email del destinatario oppure il suo nome presente nell’elenco dei contatti, che possono essere aggiunti attraverso la scheda Condivisione. La nuova web app permette di importare i contatti da Yahoo e Gmail. Per condividere file o cartelle con qualsiasi destinatario, si può generare un link pubblico che, eventualmente, può essere pubblicato su Facebook o Twitter. La ricezione del link ad una cartella condivisa privatamente viene segnalata tramite una notifica sulla scheda Condivisione.

SugarSync Drive è invece il drive virtuale che viene creato sul computer per semplificare l’accesso ai contenuti locali e remoti. Se il file o la cartella non sono sul disco, SugarSync effettua il download dal cloud. Se il file o la cartella si trova già su disco, SugarSync li apre direttamente. La scheda Attività elenca tutte le operazioni effettuate in ordine di data, mentre la scheda Ricerca permette di cercare i contenuti sincronizzati.

La versione web di SugarSync 2.0 integra una Gallery View che permette di visualizzare le miniature delle foto oppure di ingrandirle a schermo intero. La stessa interfaccia dell’applicazione desktop è presente sull’app Android. Oltre alle feature elencate, gli utenti mobile possono salvare i dati direttamente sul cloud ed effettuare sia l’upload che la sincronizzazione di intere cartelle dalla SD card.

Fonte: SugarSync • Notizie su: