QR code per la pagina originale

PlayStation Cloud, dove Gaikai incontra PS4

Ancora rumor su PS4: si parla questa volta di PlayStation Cloud, servizio che quasi certamente porterà il cloud gaming di Gaikai sulla console next-gen.

,

A ormai poche ore di distanza dal Meeting 2013 (appuntamento a mezzanotte), l’evento Sony che tutti attendono per dare un primo sguardo alla nuova PlayStation 4, continuano a emergere rumor e indiscrezioni sulle caratteristiche e sulle funzionalità della console next-gen. Questa volta si parla di cloud gaming, che secondo voci di corridoio trapelate nei giorni scorsi sarà uno dei modi offerti ai giocatori per interagire con il catalogo videoludico messo a disposizione dalla piattaforma. In altre parole, i titoli saranno lanciati “in streaming”.

Una decisione che, se confermata, non sorprenderebbe poi molto. Il gruppo giapponese ha infatti messo le mani la scorsa estate su Gaikai, concorrente principale di OnLive all’interno di questo mercato in forte crescita, con un’acquisizione quantificata economicamente in 380 milioni di dollari. L’obiettivo è con tutta probabilità quello di sfruttarne la tecnologia per offrire un’esperienza inedita a chi sceglierà PS4, come confermato da alcuni domini registrati il 15 febbraio e intestati alla società, tutti con un esplicito riferimento al brand PlayStation Cloud: playstation-cloud.com, playstation-cloud.org, ps-cloud.net, playstation-cloud.co, playstation-cloud.mobi e pscloud.us. Risale invece al 2009 la richiesta per playstationcloud.com, mentre pscloud.com è proprietà di GoDaddy, società che opera proprio nell’ambito della gestione dei domini Internet.

Altri rumor comparsi in Rete parlano di un esordio della console nel mese di novembre, dunque giusto in tempo per le festività natalizie, con due modelli differenti commercializzati rispettivamente al prezzo di 429 e 529 dollari. Inoltre, sembra che per la sua nuova console Sony abbia scelto un approccio simile a quello di Microsoft per quanto riguarda i servizi online, richiedendo la sottoscrizione di un abbonamento mensile come per Xbox Live, pratica in realtà già sperimentata almeno in parte con la formula PlayStation Plus. Si attende infine l’esordio di una nuova PS Eye fornita in bundle con l’hardware, oltre che di funzionalità paragonabili a SmartGlass per l’interazione con smartphone e tablet.