QR code per la pagina originale

Apple sta per bloccare il jailbreak Evasi0n?

Apple starebbe cercando di chiudere cinque falle in iOS 6.1.3, le stesse che permettono il funzionamento del jailbreak Evasi0n.

,

Il jailbreak Evasi0n, il firmware alternativo per lo sblocco dei device iOS 6 e superiori, è da giorni sulla bocca di tutti. Semplice, pratico e veloce, è decisamente manna dal cielo per chi non si accontenta delle funzioni di default incluse nel sistema operativo mobile di Cupertino. Ma il successo della tecnica potrebbe giungere presto a conclusione, perché Apple starebbe lavorando a un fix per impedire che i dispositivi iOS vengano sottoposti a jailbreak. A darne notizia Forbes.

Non è una novità: per poter effettuare un jailbreak di tipo untethered, ovvero che non necessità del collegamento al computer a ogni riavvio del terminale, gli sviluppatori devono approfittare delle più singolari falle sulla versione originale di iOS. L’obiettivo è quello di trovare un accesso, un modo per poter impartire nuovi comandi al device e portare il jailbreak a termine. È per questo che questi firmware non sono eterni ma variano nel tempo: al variare delle falle di iOS, variano anche i sistemi di sblocco. Evasi0n, da questo punto di vista, non farà differenza: prima o poi la sua funzionalità verrà bloccata e i developer dovranno inventarsi nuove soluzioni.

Secondo David Wang, uno dei creatori proprio di Evasi0n, dall’analisi dell’ultima beta di iOS 6.1.3 apparirebbe evidente il tentativo di Apple di chiudere quelle falle che proprio il sistema sfrutta. Per questo motivo, si consiglia agli utenti interessati di procedere con cautela a un eventuale aggiornamento, quando il firmware verrà rilasciato. Così ha spiegato Wang:

«Se una delle vulnerabilità smette di funzionare, anche Evasi0n smette di funzionare. Potremo sostituirla scegliendo di sfruttare un’altra vulnerabilità, ma Apple probabilmente la correggerebbe prima del rilascio pubblico di iOS 6.1.3».

Evasi0n sfrutta cinque vulnerabilità di iOS per poter essere installato sul terminale in uso, sia esso un iPhone, un iPad o un iPod Touch. Apple negli anni ha avuto risposte molto aggressive verso il mondo del jailbreak, con degli upgrade continui per bloccarne la possibilità, ma negli ultimi tempi sembra aver rallentato la ricorsa. JailbreakMe, il tool pensato ai tempi di iPhone 4, ha richiesto ben nove giorni prima che Cupertino riuscisse a reagire. Evasi0n esiste da quasi un mese e ancora nessun intervento è pervenuto dalle parti di Apple. Secondo gli sviluppatori, ci vorrà ancora un mese prima che iOS 6.1.3 venga rilasciato ufficialmente al pubblico, nel frattempo i developer promettono di far tutto ciò in loro possesso per non far morire prematuramente questa modalità di jailbreak.