QR code per la pagina originale

Vimeo come Instagram con i 500 filtri di Looks

German Expressionism, Magic Stroke e Decaffeinated solo alcuni degli oltre 500 filtri introdotti da Vimeo con Looks, per l'editing veloce dei filmati.

,

Anche Vimeo strizza l’occhio a Instagram e introduce una lunga serie di effetti mettendoli a disposizione dei propri utenti: ben 500, raccolti nella funzionalità Looks lanciata oggi. La parola d’ordine è ancora una volta “semplicità”. A chi carica un filmato non è infatti chiesto l’utilizzo di un software esterno per l’editing video, così come la conoscenza dei parametri da impostare. È sufficiente effettuare il login sulla piattaforma, accedere alla sezione Enhancer e selezionare il filmato da elaborare.

A questo punto basta scegliere uno dei tanti filtri presenti nella parte inferiore della schermata, come Rose Tinted Memories, German Expressionism, Magic Stroke, Decaffeinated, Summer of ’77, Violent Sepia Creator e così via. Con un solo click verrà mostrata l’anteprima del risultato, per decidere quale applicare. Va segnalata la presenza di uno slide, che permette di variare l’intensità dell’effetto da 0 a 100%, utile per dare un tocco personale al video ma senza esagerare. Inoltre, è anche possibile apportare la modifica a una sola parte della clip, lasciandone inalterato il resto, oltre a salvare le proprie impostazioni per utilizzarle nuovamente in seguito.

L'anteprima di alcuni dei filtri Looks introdotti da Vimeo per l'editing dei filmati

L’anteprima di alcuni dei filtri Looks introdotti da Vimeo per l’editing dei filmati

La tecnologia alla base di Looks è stata sviluppata da Vivoom, realtà operativa nell’editing video su piattaforma cloud. Per i primi 90 giorni l’utilizzo di tutti i filtri è offerto in modo del tutto gratuito, poi sarà invece necessario mettere mano al portafogli, con una spesa di 0,99 dollari per ogni applicazione. Questa novità si aggiunge alla classificazione dei filmati introdotta da Vimeo a fine gennaio, con l’intenzione di etichettare i contenuti assegnando a ognuno una tag differente: “All audiences”, “Mature” oppure “Not Yet Rated”.

Fonte: Vimeo • Notizie su: , ,