QR code per la pagina originale

Da Singapore arriva il mantello dell’invisibilità

Presto potrebbe giungere una nuova tecnologia in grado di deviare la luce e rendere così gli oggetti invisibili all'occhio umano.

,

I mantelli dell’invisibilità sono oggetti fantascientifici ampiamente diffusi nella cinematografia, con riferimenti a diverse tecniche per illudere la vista presenti in svariate pellicole. Presto, tuttavia, potrebbero divenire realtà: la dimostrazione giunge grazie al Prof. Baile Zhang, docente di fisica presso il Nanyang Technological University di Singapore, il quale ha mostrato durante una TED Conference un piccolo dispositivo capace di rendere un oggetto invisibile all’occhio umano.

Tale dispositivo si compone di due cristalli ottici uniti in maniera tale da sfruttarne una delle caratteristiche più interessanti: la capacità di curvare la luce. La calcite utilizzata per comporre il piccolo cubo che crea l’illusione ottica può infatti nascondere le ombre e deviare i raggi luminosi, ingannando l’occhio in maniera piuttosto convincente. Il risultato è un oggetto capace di rendere invisibile qualsiasi cosa si trovi alle sue spalle.

Oltre a quanto presente dietro il cubo, anche quest’ultimo è naturalmente invisibile ad un osservatore poco attento. Il tutto è infatti perfettamente trasparente, con una forte illusione che in realtà nulla sia presente dinanzi ai propri occhi. Trattasi quindi di un primo passo verso la creazione di “mantelli dell’invisibilità”, con la possibilità di nascondere oggetti di vario tipo da occhi indiscreti.

Il principale campo ove una simile applicazione potrebbe trovare un ampio raggio d’azione è quello militare, consentendo agli eserciti di tutto il mondo di camuffare i propri equipaggiamenti e, se possibile, anche le proprie truppe agli occhi dei nemici. La tecnologia in questione è tuttavia ancora in fase sperimentale e necessita di essere migliorata in diversi aspetti prima di poter esser disponibile sul mercato.

Fonte: MNN • Immagine: Invisible businessman with hat, via Shutterstock • Notizie su: