QR code per la pagina originale

Problemi di ventola per i MacBook Pro Retina

Problemi alle ventole per MacBook Pro con Display Retina: il sistema di raffreddamento si attiva alla massima potenza anche quando non necessario.

,

Le ultime versioni dei MacBook Pro con Display Retina presenterebbero un malfunzionamento delle ventole, fortunatamente non capace di causare danni al computer. Secondo quanto riportano alcuni utenti e un video apparso su YouTube, le ventole raggiungerebbero la velocità massima senza apparente motivo, non essendoci alcun aumento anomalo di temperatura dei circuiti.

Apple ha da sempre un particolare sistema di gestione della rotazione delle ventole, per evitare rumori molesti per l’utente. Di default il sistema di raffreddamento funziona a velocità mediamente basse, impercettibili all’orecchio umano, per aumentare vorticosamente quando la temperatura si avvicina a dei limiti massimi di sicurezza. In passato, soprattutto con i primissimi MacBook bianchi, questo si è tradotto in un problema di surriscaldamento con anche danni alla scocca in policarbonato dei laptop. Ed è anche per questo che su Mac vanno molto di moda i vari fan-controller, come ad esempio SMC Fan Control, affinché l’utente ne possa aumentare la velocità minima a piacere.

Nei casi di MacBook Pro con Display Retina, tuttavia, la massima potenza delle ventole non deriva da questioni di surriscaldamento. I video trapelati in Rete dimostrano come le temperature siano assolutamente nel range di sicurezza assoluta d’utilizzo, quindi il sistema di raffreddamento è evidente venga allertato per sbaglio da qualche conflitto software o hardware.

Alcuni pensano si tratti di una cattiva gestione dei file musicali Apple Lossless, anche perché la ventilazione in modalità turbo spesso si verifica durante la riproduzione di brani su iTunes. Per altri, invece, la questione potrebbe essere connessa ai dischi SSD in dotazione nel laptop. A quanto pare, da qualche mese i MacBook Pro con Display Retina non montano più soluzioni storage di Samsung, ma di Sandisk. Apple avrebbe semplicemente effettuato una sostituzione hardware senza però adattare i driver, rimasti apparentemente generici, e questo in qualche modo interferirebbe con l’SMC, il System Management Controller, attivando le ventole quando non necessario. Si tratta ovviamente di un’ipotesi che non trova ancora conferma ufficiale in Apple, quindi da prendere con le pinze.

Come già ricordato, non vi sarebbero conseguenze funeste derivanti dalla problematica: non essendoci surriscaldamento, la scheda logica non può subire danni da calore. Al contrario, si avrà un innocuo iper-raffreddamento, con l’unico effetto di annoiare l’utente con un rumore fastidioso come quello delle ventole. Bisognerà quindi pazientare qualche tempo, almeno finché Apple non proporrà una soluzione software o hardware alla questione.