QR code per la pagina originale

Bing Now trova i ristoranti poco rumorosi

Bing Now è un'app per Windows Phone che mostra il livello di rumore nei locali pubblici. Le informazioni vengono registrate con i sensori dello smartphone.

,

Tra i numerosi progetti di ricerca mostrati da Microsoft nel corso del TechFest 2013, uno dei più interessanti è Bing Now, un’app per Windows Phone che permette agli utenti di cercare un ristorante o un bar in base al livello di rumore presente nel locale. Secondo i ricercatori dell’azienda di Redmond, grazie ai sensori integrati negli smartphone, è possibile registrare un breve clip audio da integrare nei risultati delle ricerche. Prima di prenotare un tavolo si potrà ad esempio conoscere il genere di musica suonata nel ristorante.

Attualmente sono disponibili diverse app che consentono di pubblicare una recensione di un luogo, ma si tratta di informazioni abbastanza statiche. Con Bing Now, invece, si registra un sample audio di 10 secondi dal quale il software può ricavare il livello delle chiacchiere nel locale, il volume della musica ed eventualmente anche il nome della canzone. Al termine dell’analisi, l’app classificherà il rumore come alto, normale o basso.

Al momento, l’applicazione è solo un progetto di ricerca, ma in futuro potrebbe essere integrata negli smartphone per fornire una nuova tipologia di ricerche. Gli algoritmi di classificazione sono in grado di separare le chiacchiere dalla musica di sottofondo. Un test effettuato in 150 locali di Seattle ha mostrato una percentuale di precisione pari all’80%. Bing Now rappresenta una dimostrazione pratica del modo in cui i sensori degli smartphone possono essere usati per ottenere informazioni utili che riflettano le reali condizioni di un luogo. In realtà, gli stessi dati potrebbero essere forniti direttamente dagli utenti, ma si tratterebbe comunque di opinioni soggettive (la musica rock è rumorosa per alcuni, piacevole per altri).

Dato che questo genere di esperimenti diventa sempre più comune, i ricercatori pensano alla realizzazione di una nuova generazione di motori di ricerca in real time che visualizzano le informazioni provenienti dalle reti di sensori, inclusi quelli integrati negli smartphone.