QR code per la pagina originale

Windows 8, Microsoft paga 100$ per ogni app

Microsoft offre 100 dollari per ogni applicazione pubblicata sul Windows Store e sul Windows Phone Store. L'obiettivo è incrementare il numero di app.

,

Secondo il sito MetroStore Scanner, sul Windows Store sono presenti circa 48.000 app, un numero molto piccolo se si confronta il negozio digitale di Windows 8 con la concorrenza. Microsoft vuole cercare di migliorare l’offerta e pertanto ha deciso di avviare l’iniziativa Keep The Cash Offer, valida anche per la piattaforma mobile (solo negli Stati Uniti). Gli sviluppatori che realizzeranno app per Windows 8 e Windows Phone entro il 30 giugno prossimo potranno guadagnare fino a 2.000 dollari.

In base ai termini e alle condizioni, oltre al rispetto delle linee guida, le nuove app create non devono essere una copia di app esistenti, né versioni modificate o riprogettate. Ogni sviluppatore avrà la possibilità di ottenere un premio di 100 dollari per ogni app fino ad un massimo di 20, quindi 10 sul Windows Store e 10 sul Windows Phone Store. L’offerta è limitata alle prime 10.000 app pubblicate entro fine giugno.

Fin dall’annuncio dei due sistemi operativi, Microsoft ha cercato in tutti i modi di convincere gli sviluppatori a realizzare app di qualità. Ora sembra però che l’azienda voglia accorciare le distanze da Android e iOS sopratutto sul piano della quantità. Microsoft non ha finora comunicato nessun dato statistico relativo alle app. Sappiamo solo che Windows 8 ha venduto oltre 60 milioni di licenze e che sono stati effettuati circa 100 milioni di download.

Microsoft dovrà scontrarsi con BlackBerry per conservare il terzo posto nel settore degli smartphone. Anche l’azienda canadese ha offerto un incentivo agli sviluppatori. Un ex manager aveva previsto questo cambio di strategia da parte di Microsoft, affermando che pagare gli sviluppatori è una cattiva idea, un’opinione condivisa anche da Steven Sinofsky. L’iniziativa Keep The Cash Offer è valida solo per pochi mesi, ma potrebbe essere riproposta in futuro.