QR code per la pagina originale

Apple più cara in Australia: è colpa di Rihanna

Prezzi maggiorati dei contenuti digitali in Australia: Apple cede la patata bollente ai detentori dei diritti e Rihanna viene coinvolta suo malgrado.

,

«We found love in a costless place»: se ci fosse una canzone, così sarebbe descritto l’ideale epilogo per la singolare vicenda che vede coinvolte le autorità australiane, Apple e Rihanna nell’ennesima bagarre giudiziaria in quel della terra dei canguri. Sì, perché nella prima udienza conoscitiva per capire i motivi del sovrapprezzo di quasi il 50% dei contenuti digitali distribuiti in Australia rispetto al resto del mondo, Apple non ha fatto altro che cedere la patata bollente ai creatori di contenuti. E la giovane cantante barbadiana è stata catapultata nel bel mezzo della disputa suo malgrado.

La vicenda trova le sua nascita qualche settimana fa, quando il Parlamento australiano ha richiesto a diverse società internazionali – Apple, Microsoft e Adobe fra tutte – di giustificare i rincari dei loro prodotti rispetto al resto del globo. Sul fronte hardware, pare che i produttori se la siano svignata abbastanza agevolmente, sottolineando come i costi di trasporto e distribuzione siano più elevati data la posizione geografica del continente. Ma la stessa giustificazione non vale per i contenuti digitali, ospitati su server statunitensi e diffusi tramite la Rete, dove la distanza geografica ha poco o nullo senso per determinare le tariffe.

Nella prima udienza conoscitiva con le commissioni parlamentari ha preso parola Tony King, il vicepresidente di Apple Australia, Nuova Zelanda e Asia del Sud. Il dirigente ha sottolineato come i prezzi finali dei contenuti digitali vengano decisi dai creatori stessi, mentre la Mela in tutto il mondo applica la sua politica di revenue sharing al 30%:

«La tariffa dei contenuti digitali si basa sui prezzi all’ingrosso, determinati da negoziazioni con le case discografiche, gli studi cinematografici e i network televisivi. L’industria dei contenuti fa ancora affidamento sulle antiquate nozioni di confini nazionali, territoriali e dei mercati.»

E perché c’entra Rihanna in tutto questo? A chiamare in causa la cantante di Diamonds ci pensa Billboard, prendendola come esempio per i prezzi maggiorati australiani. Il colosso delle classifiche sottolinea come Unapologetic, l’ultimo album della popstar, costi 23,98 dollari statunitensi sull’iTunes Store australiano, circa il 49% in più rispetto al resto del mondo (12,99 euro per la versione deluxe sullo store italiano). E così tuona Matthew Rimmer, professore associato dell’Università di Camberra:

«C’è stata una discriminazione di prezzo ai danni dei consumatori australiani. Se la distribuzione è digitale, perché i prezzi sono più alti?.»

Già, perché? Difficile che la stessa Rihanna possa rispondere alla domanda, vittima inconsapevole della battaglia.

Fonte: Billboard • Via: AppleInsider • Notizie su: ,