QR code per la pagina originale

ITC: Samsung ha violato un brevetto Apple

L'ITC ha dato ragione ad Apple: Samsung ha violato uno dei suoi brevetti, relativo alla selezione del testo su un device. La decisione finale ad agosto.

,

Ancora guai per Samsung in una delle cause legali che la vedono contrapposta ad Apple: secondo un giudice della ITC (International Trade Commission), l’azienda sudcoreana è colpevole di aver violato un brevetto della compagnia rivale, relativo alla tecnologia utile a selezionare un testo sul display di un dispositivo mobile.

La proprietà intellettuale oggetto della violazione è denominata “method and apparatus for providing translucent images on a computer display” e, secondo il giudice della ITC, è stata sfruttata indebitamente da Samsung. Il giudizio è comunque preliminare e la decisione finale verrà presa nel mese di agosto, quando tutta la commissione esaminerà la documentazione e stabilirà se sostenere quanto espresso dal singolo giudice, o meno.

La posta in gioco è tanta, dato che nel caso in cui Samsung abbia davvero violato la proprietà intellettuale di Cupertino, potrebbe essere bloccata negli USA la distribuzione dei dispositivi che integrano la tecnologia di selezione del testo oggetto della causa. Nella lista figurano device di estrema importanza per il gruppo sudcoreano, quali ad esempio quelli della serie Samsung Galaxy, Nexus, Transform e altri ancora.

Apple ha deciso di fare causa a Samsung nel luglio del 2011, accusando la rivale di aver violato sette sue proprietà intellettuali in una vasta gamma di smartphone e tablet. La prima sentenza è stata emessa nello scorso ottobre: allora, il giudice Thomas Pender aveva dato ragione ad Apple su quattro brevetti, mentre altri due non erano stati violati da Samsung e uno era stato trovato non valido. Anche in quel caso si trattava di un giudizio preliminare: la decisione finale era stata rinviata poiché, secondo quanto reso noto dalla commissione al completo, il giudice dell’ITC voleva prendersi altro tempo per valutare nuovamente la documentazione.

La nuova sentenza appena espressa va dunque a confermare la validità di uno dei brevetti oggetto del contenzioso, mentre una seconda proprietà intellettuale è stata considerata nulla. Riguardava una tecnologia che consente a un device di individuare se un microfono o altri dispositivi sono connessi al jack o meno. Bisognerà comunque attendere la sentenza di merito, prevista per agosto, per sapere se verrà nuovamente data ragione ad Apple o no.

Fonte: FOSS Patents • Via: Reuters • Notizie su: ,