QR code per la pagina originale

Google Fiber anche a Austin, in Texas? (update)

In seguito al debutto dello scorso anno a Kansas City, il servizio Google Fiber si appresta ora a raggiungere il Texas: rumor sulla città di Austin.

,

Aggiornamento: Come previsto, il progetto è stato confermato in via ufficiale. Ecco il comunicato stampa rilasciato da Google.

L’arrivo di Google Fiber a Kansas City dello scorso anno ha letteralmente cambiato il volto della città, trasformando la zona residenziale in un concentrato di startup e professionisti interessati a sfruttare le potenzialità del servizio. Lo stesso potrebbe avvenire anche in Texas, più in particolare a Austin, come riportato in Rete nel fine settimana da alcune indiscrezioni.

La connessione da 1 Gbps messa a disposizione da bigG potrebbe dunque arrivare a breve anche nella capitale dello stato sudamericano. Le prime indiscrezioni risalgono a venerdì, ma solo ieri sono arrivate le prime conferme. Un messaggio riportato dalla redazione di VentureBeat (tradotto di seguito) punta alla giornata di domani per l’annuncio ufficiale, che Google farà in collaborazione con le autorità cittadine.

Alle ore 11.00 a.m. di martedì 9 aprile la città di Austin e Google faranno un annuncio molto importante, che avrà un impatto positivo sulla cittadinanza e sul futuro della città. Anticipiamo che più di 100 rappresentanti della comunità e ufficiali saranno presenti per celebrare l’avvenimento. Sebbene in questo momento non ci sia possibile condividere dettagli sulla natura dell’annuncio, siamo a conoscenza del fatto che i lettori vogliono saperne di più, per questo desideriamo che vi uniate a noi martedì.

Alcuni rappresentanti della stampa specializzata sono dunque stati invitati all’evento, per scoprire in anteprima tutti i dettagli sull’iniziativa e renderli poi noti ai lettori. Austin sarebbe la seconda città scelta per accogliere le connessioni ad alta velocità di Google Fiber, ancora solo un miraggio per molte zone (Italia compresa). Non resta a questo punto che attendere per conoscere con quali modalità e tempistiche bigG ha intenzione di estendere la portata del proprio servizio negli Stati Uniti. Se ne saprà dunque di più tra 24 ore circa.

Fonte: VentureBeat • Notizie su: