QR code per la pagina originale

PS4: anche Level-5 tra gli sviluppatori

Level-5, software house già al lavoro su Ni no Kuni e la serie Professor Layton, conferma il suo impegno nella realizzazione di un gioco per PlayStation 4.

,

Cresce di giorno in giorno l’elenco delle software house già impegnate nella creazione di titoli destinati a PS4. Oggi si aggiunge Level-5, team giapponese noto al grande pubblico soprattutto per i giochi della serie Professor Layton, capaci di far registrare ottime vendite su Nintendo DS e 3DS, che di recente ha pubblicato anche in Europa l’apprezzato Ni no Kuni: La minaccia della Strega Cinerea. La natura del progetto al momento rimane nascosta, ma la notizia merita comunque di essere segnalata per quanto dichiarato da Akihiro Hino.

Il CEO della società ha infatti confidato alla redazione di Nikkei che il videogame saprà sfruttare al meglio le inedite funzionalità di networking messe a disposizione dalla console, purtroppo senza scendere nei dettagli. L’annuncio comunque avverrà in tempi relativamente brevi, forse in occasione dell’E3 2013 in programma per il mese di giugno.

È ancora tutto fermo alle prime fasi di progettazione, ma possiamo confermare di essere al lavoro su un titolo PS4 che saremo in grado di annunciare presto. L’hardware della console next-gen è stato assemblato tenendo in grande considerazione la Rete, per questo motivo ci stiamo concentrando più sulle modalità di comunicazione offerte piuttosto che su performance grafiche o specifiche tecniche.

Il piccolo Lucciconio con Oliver, i protagonisti di Ni no Kuni: La minaccia della Strega Cinerea

Il piccolo Lucciconio con Oliver, i protagonisti di Ni no Kuni: La minaccia della Strega Cinerea

Level-5 non è il primo team di sviluppatori che spende parole di apprezzamento nei confronti del lavoro svolto da Sony. Nei giorni scorsi anche Ubisoft Montreal ha parlato di come l’architettura scelta per PS4 sarà in grado di semplificare notevolmente il lavoro delle software house, che finalmente potranno lasciarsi alle spalle le difficoltà incontrate con PS2 e PS3. Ora la palla passa nelle mani di Microsoft, che con Xbox 720 dovrà saper fare altrettanto: appuntamento al 21 maggio, giorno in cui il gruppo di Redmond potrebbe finalmente togliere i veli alla sua piattaforma.