QR code per la pagina originale

Archos presenta i suoi primi smartphone e phablet

Archos passa dal produrre solo tablet a proporre anche smartphone e phablet: presentati 3 device Android, Archos 35 Carbon, 50 Platinum e 53 Platinum.

,

Archos si espande nel mercato mobile presentando i primi tre smartphone proprietari: dopo aver introdotto nei negozi una serie di tablet a basso costo, a fine maggio rilascerà anche Archos 35 Carbon, Archos 50 Platinum e Archos 53 Platinum, tutti e tre basati sul sistema operativo Android in versione unskinned, ovvero senza particolari personalizzazioni.

L’azienda sfrutta dunque cinque anni di esperienza sul fronte tablet per lanciare una nuova gamma di smartphone e phablet convenienti, caratterizzati da un design super sottile, uno schermo IPS, una potente CPU Qualcomm e con supporto al dual-SIM. Inoltre, tale linea sarà certificata Google.

Archos 35 Carbon è lo smartphone low-cost della nuova gamma e sarà in vendita al prezzo di 99 euro. Il comparto hardware prevede un processore Qualcomm Cortex A5 da 1 GHz, 512 MB di memoria espandibile, display multitouch da 3,5 pollici con risoluzione pari a 320×480 pixel, una fotocamera frontale e una posteriore entrambe di tipo VGA, batteria da 1300 mAh, supporto alla connettività Wi-Fi, Bluetooth e USB 2.0. Le dimensioni del dispositivo sono pari a 117×62,3×10,2mm.

Archos 50 Platinum e Archos 53 Platinum possiedono molte caratteristiche in comune, si differenziano solamente per ampiezza dello schermo, per dimensioni e per batteria integrata. Il primo modello possiede un display da 5 pollici, dimensioni pari a 143,4×72,4×8,9mm e 160 grammi di peso e una batteria da 2000 mAh; il secondo invece è un phablet con uno schermo da 5,3 pollici, dimensioni e peso leggermente maggiori e una batteria da 2800 mAh. I prezzi al pubblico sono rispettivamente pari a 249 euro e 299 euro.

Tra le caratteristiche in comune si trovano un pannello con una risoluzione da 960×540 pixel a 220dpi, un processore quad-core Qualcomm Cortex A5 da 1.2 GHz, 1 GB di RAM, 4 GB di memoria interna utile all’archiviazione dei dati, doppio slot per SIM card, GPS, connettività Wi-Fi, DLNA, Bluetooth e una porta microUSB. Si legge nel comunicato stampa il perché Archos abbia deciso di entrare con forza in un mercato del genere:

Il mercato degli smartphone sta cambiando, infatti le vendite SIM-free sono in aumento rispetto alle vendite con contratto ed ARCHOS è pronta a rispondere, in quanto in grado di offrire canali di vendita al dettaglio a prezzi accessibili e smartphone ricchi di funzionalità, senza la necessità di stipulare un contratto. Inoltre il mercato degli smartphone e quello dei tablet sono ormai interconnessi ed hanno trovato il proprio punto d’incontro con l’arrivo dei Phablet – dispositivi a metà tra cellulare e tablet. Ed è quindi in questa direzione che ci stiamo muovendo, una scelta naturale per il nostro marchio e la crescita nel lungo periodo.

Notizie su: ,