QR code per la pagina originale

Google Fiber anche a Shawnee

Dopo Kansas City, Austine e Provo, le connessioni da 1 Gbps di Google Fiber raggiungeranno prossimamente anche gli abitanti della città di Shawnee.

,

Google Fiber ha ormai abbandonato lo status di progetto sperimentale per assumere i connotati di ambizioso programma destinato a portare le connessioni Internet da 1 Gbps negli Stati Uniti. Sul blog ufficiale è stata annunciata nelle ore scorse la decisione di coprire con la fibra ottica di bigG anche la città di Shawnee, posizionata geograficamente nelle vicinanze di Kansas City, già raggiunta del servizio.

Si tratta del quarto centro americano a beneficiare di un accesso alla Rete ad alta velocità (dopo Austin, Provo e appunto Kansas City). La decisione del consiglio comunale è stata presa nelle ore scorse, come comunicato da Google con un post, che sottolinea come l’arrivo di Fiber potrà contribuire alla crescita della zona sia dal punto di vista economico che da quello inerente ai servizi per i cittadini.

Questa sera i rappresentanti di Shawnee hanno votato per portare Google Fiber nella loro città. Shawnee, che si trova nelle vicinanze di Kansas City, è nota come una comunità affiatata e un ottimo posto dove creare e far crescere il proprio business. Siamo rimasti colpiti da come  Shawnee abbia scelto di mantenere informata e coinvolta la popolazione attraverso Internet, ad esempio con il rinnovato sito Web istituzionale.

L’attivazione del servizio non avverrà comunque a breve. Nel suo intervento il gruppo di Mountain View chiarisce che c’è molto lavoro ingegneristico da fare prima di portare le connessioni da 1 Gbps nelle case e che al momento non è possibile stabilire una tempistica precisa. Di certo c’è invece il crescente impegno del gruppo nei confronti delle infrastrutture per la connettività: rendere utenti e professionisti capaci di sfruttare il Web e le sue tecnologie senza ostacoli o latenze si traduce in un maggiore utilizzo di piattaforme e servizi che ruotano attorno alla grande Rete. Google lo sa bene e, con gli investimenti messi a disposizione per il progetto Fiber, intende proprio sgombrare il campo da ogni “collo di bottiglia” tra le persone e il mondo online.