QR code per la pagina originale

AGCOM, una consultazione per capire il Web

L'AGCOM apre una consultazione conoscitiva per approfondire molte dinamiche relative al Web, ma le domande lasciano a desiderare.

,

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha avviato una consultazione avente natura conoscitiva e rivolta «a tutti i soggetti attivi, a qualsiasi titolo, sul web». Basterà avere una connessione attiva, insomma, per essere in qualche modo chiamati all’appello per offrire all’AGCOM elementi utili alla comprensione di particolari dinamiche relative a servizi e pubblicità online.

«L’obiettivo», spiega l’appello AGCOM, «è acquisire il punto di vista di tutti coloro che utilizzano Internet in qualità sia di utenti, sia di operatori che offrono servizi in rete. Perchè lo facciamo? Vogliamo semplicemente capire. E vogliamo farcelo dire da chi Internet la frequenta ogni giorno, o anche da chi ha appena iniziato. Insomma, da voi». Utenti privati, professionisti o associazioni: chiunque è invitato dall’AGCOM a rispondere all’apposito questionario inviando poi le risposte all’indirizzo email consultagcom@agcom.it entro il 1 luglio 2013. Per meglio promuovere la consultazione è stato aperto anche un hashtag attorno a cui aggregare ogni opinione sul tema: #consultagcom.

Gli ambiti sui quali verte la consultazione sono 10:

  1. Le apparecchiature di accesso al web fisse e in mobilità (es. smartphone e tablet)
    «Quale apparecchio utilizzi per accedere ad internet (pc fisso, pc portatile con chiavetta, telefonino, smartphone, tablet)? Hai incontrato problemi durante la navigazione, quali? Ti ritieni soddisfatta/o? Cosa potrebbe migliorare il servizio e/o la tua esperienza di navigazione?»;
  2. I sistemi operativi e i browser
    «Conosci il sistema operativo delle apparecchiature che utilizzi per l’accesso ad internet (Microsoft, Apple, Linux, iOS, Android,…)? Quale browser (es. Windows Internet Explorer, Chrome,…) utilizzi per la navigazione web? Ti ritieni soddisfatta/o? Cosa potrebbe migliorare il servizio e/o la tua esperienza di navigazione?»;
  3. I motori di ricerca e i social network
    «Utilizzi i motori di ricerca? Utilizzi i social network? Ti ritieni soddisfatta/o? Cosa potrebbe migliorare il servizio di ricerca e/o la tua esperienza di condivisione?»;
  4. I servizi di informazione sul web: quotidiani on line, testate digitali e siti di operatori radiofonici e televisivi
    «Quali siti utilizzi per informarti? Visiti i siti degli editori tradizionali? Visiti i siti delle emittenti radiotelevisive? Ritieni questi siti affidabili? Hai notato delle anomalie o criticità che vorresti sottolineare? Raccontaci la tua esperienza»;
  5. Le nuove fonti di informazione: nuove testate online, siti di condivisione, social network e blog
    «Per informarti, visiti i siti di blogger? Visiti i siti delle nuove testate on line? Utilizzi i social network? Ritieni questi siti affidabili? Hai notato delle anomalie o criticità che vorresti sottolineare? Raccontaci la tua esperienza»;
  6. Le piattaforme di distribuzione e quelle di pagamento
    «Utilizzi piattaforme di distribuzione (es. Apple Store, Android Market, Amazon,…)? Utilizzi piattaforme di pagamento (es. Paypall, Gestpay, PashinCommerce) per i tuoi acquisti on line? Pensi che siano sistemi sicuri? Ti ritieni soddisfatta/o? Cosa potrebbe migliorare il servizio e/o la tua esperienza di acquisto?»;
  7. La rilevazione delle audience sul web
    «Ritieni attendibili le rilevazioni delle audience on line? Hai verificato problematiche e criticità in merito ad esse? Quali margini di miglioramento vorresti suggerire?»;
  8. Le piattaforme di intermediazione pubblicitaria on line
    «Come vivi la presenza di pubblicità sui siti che visiti? Hai notato delle anomalie o criticità che vorresti sottolineare? Saresti disposto a pagare per i contenuti a fronte di minore pubblicità? Raccontaci la tua esperienza»;
  9. Le altre forme di raccolta pubblicitaria online
    «Come vivi la presenza di pubblicità sui siti che visiti? Hai notato delle anomalie o criticità che vorresti sottolineare? Saresti disposto a pagare per i contenuti a fronte di minore pubblicità? Raccontaci la tua esperienza»;
  10. I fattori di contesto: alfabetizzazione informatica, regime di tassazione, eccetera
    «Pensi che il contesto economico, sociale e culturale italiano sia adeguato a favorire lo sviluppo e la diffusione di internet? Ritieni che vi siano iniziative da prendere che potrebbero migliorare la tua esperienza di navigazione? Dacci la tua opinione».

La meccanica con cui la consultazione è stata realizzata non incoraggia certo la compilazione del modulo e la formulazione stessa delle domande sembra lasciar a desiderare. I link non funzionanti sul sito, inoltre, rendono complessa anche l’apertura della delibera con cui si spiega da dove nasce il desiderio di approfondimento espresso dall’Authority:

È avviata un’indagine conoscitiva sul settore dei servizi internet e sulla pubblicità on line volta ad approfondire le dinamiche di mercato in entrambi i versanti del settore, la struttura dell’intera filiera produttiva, i modelli economici e finanziari sottostanti le nuove piattaforme digitali, nonché le eventuali criticità nella struttura concorrenziale

La firma è quella del Presidente AGCOM Angelo Marcello Cardani, nelle ultime ore al centro della polemica per l’iniziativa con cui l’AGCOM potrebbe assumersi nuovi ruoli speciali per la difesa del diritto d’autore online (proposito che già in passato ha causato la levata di scudi contro l’Authority).

Fonte: AGCOM • Notizie su: