QR code per la pagina originale

Apple vince la causa per iBooks

Un'altra causa legale si è conclusa a favore di Apple: lo scontro vedeva l'editore newyorkese Black Tower chiedere i diritti esclusivi per l'uso di iBooks.

,

Apple ha appena vinto una nuova causa legale avviata da un editore di New York, il quale richiedeva di poter utilizzare il marchio iBooks in maniera esclusiva. Il giudice federale che si è occupato della querelle ha deciso in favore di Cupertino.

L’editore in questione è Byron Preiss, acquisito poi da Black Tower, il quale vendeva una collana di oltre mille libri brandizzata proprio iBooks. Sia Black Tower che il precedente proprietario non sono però riusciti a registrare in tempo la proprietà intellettuale per tale marchio, mentre Apple lo ha fatto nel lontano 1999 per poi acquistare ogni diritto sullo stesso prima del lancio di iBooks e di iBookstore.

Il giudice ha stabilito che il brand iBooks detenuto da Black Tower non possa costituire motivo di confusione tra i clienti. C’è troppa differenza tra i prodotti con tale marchio lanciati dalle rispettive parti: Black Tower usava il termine limitatamente a un logo, mentre Apple per identificare un servizio ben preciso, relativo alla vendita dei libri digitali sulla rete Internet. Di seguito l’estratto della decisione diramato da GigaOM:

Non è stata offerta alcuna prova che i consumatori che utilizzano il software di Apple iBooks per scaricare eBook siano portati a credere che Apple fosse entrata anche nell’attività editoriale e sia anche l’editore di tutti i libri scaricati, nonostante il fatto che ogni libro porti la firma del suo effettivo editore.

Sia Apple che Black Tower potranno dunque continuare a usare il termine iBook per i servizi proprietari. Un altro scontro in tribunale si conclude dunque a favore di Apple, ormai impegnata su più fronti a difendere i propri servizi dalle accuse legali delle aziende concorrenti.

Galleria di immagini: Apple iBooks
Fonte: GigaOM • Via: Cnet • Notizie su: