QR code per la pagina originale

Federconsumatori: risarcimenti ai clienti 3 Italia

Federconsumatori chiede a 3 Italia di discutere immediatamente i rimborsi dovuti agli utenti siciliani rimasti ieri senza copertura di rete per molte ore.

,

«ll centralino di Federconsumatori per tutta la mattinata intasato dalle chiamate di denuncia dei clienti H3G, inferociti per il lungo blackout della rete»: l’associazione per la tutela dei consumatori spiega così il motivo per cui ha deciso di scendere in campo contro 3 Italia, chiedendo un congruo risarcimento per quanto nella giornata di ieri non hanno potuto fruire del servizio.

Il problema è insorto in Sicilia, ove alcuni problemi tecnici hanno causato per lunghe ore l’impossibilità di accedere ai servizi dell’operatore. 3 Italia aveva immediatamente confermato i problemi tramite i propri canali sui social network («Stiamo ripristinando il servizio in Roaming in attesa di riprendere il pieno servizio. Vi daremo riscontro sulle tempistiche di risoluzione appena possibile. Ci scusiamo per il disagio»), ma nell’impossibilità di risolvere il tutto in tempi rapidi ha costretto parte dei clienti ad accedere alla Rete tramite onerosi servizi roaming. Spiega la situazione Federconsumatori:

Disagi e preoccupazioni di tanti che hanno pensato che la loro sim fosse stata disattivata o che il loro cellulare avesse smesso di colpo di funzionare. Un disservizio che si è prolungato per l’intera mattinata, danneggiando in particolar modo chi aveva la necessità di utilizzare la rete internet. Infatti, ai clienti che in assenza di copertura del segnale H3G si sono connessi a internet, sono stati applicati gli onerosi costi aggiuntivi del traffico in roaming

L’associazione chiede pertanto a 3 Italia di intervenire ora con sollecitudine per consentire agli utenti di essere rimborsati per quanto dovuto. In particolare si suggerisce l’apertura di un tavolo di confronto «per disporre i dovuti risarcimenti agli utenti, oltre ai rimborsi di quanto pagato per le telefonate ed il traffico dati effettuati sotto copertura di altri operatori».

Fonte: Federconsumatori • Notizie su: