QR code per la pagina originale

Unreal Engine 4 su PS4 con Daylight

Daylight, sviluppato da Zombie Studios, arriverà anche sulla console next-gen Sony PlayStation 4: un titolo horror, basato sul motore Unreal Engine 4.

,

La software house Zombie Studios annuncia l’arrivo di Daylight, titolo presentato nel marzo scorso come esclusiva PC, anche su PS4. Il gioco è spinto dal motore Unreal Engine 4 messo a punto da Epic Games, una scelta che permetterà di sfruttare le potenzialità hardware della console next-gen di casa Sony. Atlus, coinvolto nel progetto in veste di publisher, non ha ancora confermato la data di uscita.

Dopo esservi svegliati in un ospedale abbandonato con solo il vostro telefono per farvi luce, dovete esplorare il passato criminoso dell’edificio mentre cercate una via di fuga. In Daylight non ci sono due esperienze uguali e il meglio si ottiene giocando da soli al buio. Daylight accompagna i giocatori in un mondo generato proceduralmente, che replica la sua natura horror ancora e ancora, creando però scenari differenti a ogni partita. Ogni volta che il giocatore inizia una nuova avventura entra in contatto con un mondo diverso e fa nuovi incontri: dalla struttura dell’edificio a ciò che si trova sul proprio cammino, niente è mai lo stesso.

È quanto si legge sul sito ufficiale, che per il momento svela ben pochi dettagli sulla natura del gameplay o sulla misteriosa ambientazione. Certa un’impostazione di tipo horror, con il livello di tensione aumentato dal fatto che la mappa viene di volta in volta generata dinamicamente, non offrendo così al giocatore alcun riferimento per sentirsi al sicuro.

Non ci saranno armi o combattimenti, ma solamente una serie di corridoi e stanze da esplorare, guidati dalla bussola sullo schermo di uno smartphone e qualche altro oggetto per illuminare il cammino. Il tutto, come ben visibile dal trailer allegato, condito da elementi soprannaturali decisamente poco rassicuranti. Un concept interessante, accolto con grandi speranze dagli amanti del genere che negli ultimi anni purtroppo non hanno avuto grandi soddisfazioni dal mondo videoludico.