QR code per la pagina originale

WEIZAC, omaggio al primo computer israeliano

Google celebra con un filmato l'84esimo compleanno di Aviezri Fraenkel, uno dei membri del team che ha dato vita al primo calcolatore israeliano WEIZAC.

,

Oggi Israele è uno dei paesi più attivi al mondo in ambito informatico, contesto che negli ultimi anni ha saputo dare vita a realtà del calibro di Waze, oggi contesa da Google, Apple e Facebook, ma non è sempre stato così. Il primo contatto del territorio con il mondo del computing avvenne nel 1953, quando il geofisico e matematico Chaim Pekeris accettò un impiego presso lo Weizmann Institute di Rehovot. Una delle sue richieste all’atto della firma fu proprio la realizzazione di un calcolatore, sul modello di quello statunitense visto all’Institute of Advanced Study di Princeton.

Tra coloro che hanno inizialmente accolto la proposta con scetticismo, per ragioni economiche e non solo, anche un certo Albert Einstein, convinto che un macchinario tanto grande non sarebbe servito a molto in uno stato tanto piccolo. I lavori per la sua realizzazione iniziarono comunque nel 1953, dopo aver messo sul piatto il 20% del budget complessivo a disposizione dell’istituto, sotto la guida dello stesso Pekeris e di Jerry Estrin. WEIZAC (Weizmann Automatic Calculator), questo il nome scelto per il computer, fu completato in circa due anni da un team composto da ingegneri e tecnici, tra i quali figurava anche l’allora poco più che ventenne Aviezri Fraenkel. Oggi, in occasione del suo 84esimo compleanno, Google celebra il matematico con il filmato in streaming di seguito.

Fraenkel racconta l’esperienza vissuta 60 anni fa, condita anche da alcuni dettagli piuttosto bizzarri, come quello che ha visto la squadra si trovò obbligata a rivolgersi a un negozio di biciclette per la fornitura delle piastre in rame da utilizzare nel calcolatore. WEIZAC entrò in funzione nel 1955 e operò fino al 1963, per effettuare operazioni legate allo studio di maree, terremoti, spettroscopia atomica e altri tipi di analisi complesse. Oggi riposa in una sala del Ziskind Building presso lo Weizmann Institute, per ricordare dove e come ha avuto inizio l’era del computing in Israele.

Un dettaglio di WEIZAC (a sinistra) e il calcolatore oggi nel Ziskind Building dello Weizmann Institute (a destra)

Un dettaglio di WEIZAC (a sinistra) e il calcolatore oggi nel Ziskind Building dello Weizmann Institute (a destra)

Fonte: Google Official Blog • Notizie su: