QR code per la pagina originale

Google testa una nuova UI per Gmail mobile

Spuntano in Rete alcuni screenshot che mostrano una nuova interfaccia per la versione di Gmail accessibile da smartphone e tablet mediante browser mobile.

,

Tempo di grandi cambiamenti per Gmail: prima l’introduzione delle novità per l’organizzazione della Posta in arrivo, poi il restyling apportato all’applicazione destinata ai dispositivi Android. Il prossimo step di questo percorso evolutivo sembra poter riguardare la versione del servizio accessibile da smartphone e tablet mediante browser mobile. A parlarne è il blog GOS, di recente molto attivo nel segnalare rumor e indiscrezioni su tutto ciò che riguarda il motore di ricerca.

L’elemento inedito è rappresentato dalla barra contenente i pulsanti per archiviare ed eliminare i messaggi, che non ha più una posizione fissa ma rimane visibile nell’angolo superiore destro dello schermo anche quando l’utente scorre il testo delle email. Una scelta che rappresenta in qualche modo un ritorno alle origini: ecco quanto recitava un post comparso nell’aprile 2009 sul blog ufficiale della piattaforma.

La barra per archiviare, cancellare o eseguire altre azioni ora fluttua ed è animata tramite CSS, controllata in parte da interazioni touch. Ad esempio, effettuando uno scrolling sullo schermo rimane visibile.

La nuova interfaccia di Gmail su browser mobile in fase di test (immagini 1 e 2) messa a confronto con quella attuale (immagini 3 e 4)

La nuova interfaccia di Gmail su browser mobile in fase di test (immagini 1 e 2) messa a confronto con quella attuale (immagini 3 e 4)

Come sempre accade in questi casi, è impossibile prevedere quando la novità verrà messa a disposizione di tutti. Google solitamente testa le funzionalità inedite chiamando in causa una piccola parte di utenti, raccogliendo così i feedback necessari ad apportare eventuali migliorie e presentando poi l’interfaccia ridisegnata al pubblico. Proprio come sta avvenendo in questi giorni con i cosiddetti “caroselli interattivi” che compaiono al di sopra delle SERP (pagine dei risultati), il cui rollout ha preso il via oggi negli Stati Uniti e raggiungerà prossimamente anche il vecchio continente.

Fonte: Google Operating System • Notizie su: