QR code per la pagina originale

Facebook prepara un Reader

Facebook potrebbe presto annunciare un Reader con cui aggregare e distribuire notizie tramite il social network.

,

Facebook sarebbe al lavoro per sviluppare un “Reader” attraverso il quale far fluire sulle bacheche degli utenti le notizie che più potrebbero interessare il singolo lettore. Ad oggi l’ipotesi non è confermata dal team di Zuckerberg né è noto quando il progetto potrebbe andare in porto, ma l’idea sembra farsi sempre più concreta con il susseguirsi dei rumor che da settimane circondano il possibile impegno di Facebook nel comparto. Addirittura c’era chi si aspettava l’annuncio già nei giorni scorsi, quando invece tutte le attenzioni sono state dedicate alla nuova funzione video di Instagram.

Il baricentro del progetto sarebbe sul mobile: organizzando un modo intelligente per reperire e fruire dell’informazione prodotta, Facebook si farebbe da tramite e tenterebbe di calamitare sulle proprie pagine gli utenti in cerca di un aggregatore efficace. Facebook potrebbe avere molte armi a propria disposizione: una community da oltre 1 miliardo di utenti, un profilo esaustivo degli interessi del singolo lettore ed un social network che consentirebbe anche agli editori di raccogliere pubblico ed estendere la propria base.

L’arrivo degli hashtag su Facebook potrebbe essere il primo indizio in questa direzione: aggregare l’utenza attorno ad interessi comuni legati all’immediatezza significa potenzialmente aggregare anche il dibattito attorno ai temi del momento. Ciò implica un diretto coinvolgimento dei media e di coloro i quali rappresentano la fonte prima delle informazioni in circolazione. Del resto è noto quanto Facebook sia ormai una delle piattaforme su cui con maggior intensità gli utenti portano le informazioni reperite, le commentano e le condividono: un ipotetico Facebook Reader non farebbe altro che rendere ordinato e strutturale questo processo, creando così opportunità tanto per gli utenti, quanto per gli editori, quanto ancora per lo stesso social network.

Flipboard, Pulse e simili potrebbero insomma presto trovare uno sgradito concorrente in Facebook: il social network parte in ritardo, ma forte di una community ampia e fortemente interessata.