QR code per la pagina originale

Un portale per insegnare l’Italiano

Il Governo ha annunciato l'apertura del "grande portale della lingua italiana", uno strumento pensato per favorire gli stranieri presenti sul territorio.

,

Un portale per stranieri, specificatamente per stranieri, ma che non pochi consiglieranno anche agli italiani più “lascivi” sulle regole della nostra lingua: è italiano.rai.it (“Il grande portale della lingua italiana“), il nuovo portale pensato per offrire gli strumenti necessari per l’apprendimento della lingua italiana.

Il portale è stato realizzato dai ministeri dell’Interno, dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) e da Rai Educational. Spiega il Governo nel proprio annuncio ufficiale: «Cofinanziato dal Fondo europeo per l’integrazione di cittadini di Paesi terzi (Fei), il sito è un’utile opportunità per apprendere l’italiano di base e avvicinarsi ai principi della Costituzione e condividerne valori, diritti e doveri e per comprendere i vari aspetti della vita civile del Paese nel quale si è scelto di vivere». Un portale per l’integrazione, insomma, che fa dell’apprendimento della lingua un elemento centrale nel processo di avvicinamento al paese.

Le “lezioni” sono divise in unità e queste ultime sono ordinate in 4 livelli (A1, A2, B1 e B2). Disponibili inoltre strumenti di autovalutazione, un dizionario enciclopedico, la storia della lingua ed una guida pratica al test per gli stranieri.

La sezione dedicata alla cultura civica e vita civileaiuta gli adulti stranieria raggiungere e consolidare una partecipazione attiva e responsabile nella quale la conoscenza della lingua italiana e della cultura civica diventano strumento di acquisizione della cittadinanza attiva. Tale sezione tiene conto delle linee guida per la progettazione della sessione di formazione civica e di informazione elaborate dal MIUR.

Le guide sono disponibili sia in formato testuale che a video su player RaiEdu. La semplice analisi delle guide ben esplica quanto complesso sia l’apprendimento della lingua per quanti non abbiano a disposizione corsi ed istruzione particolare: lo strumento sembra poter dunque fornire gli strumenti basilari per quanti sarebbero altrimenti tagliati fuori da un normale e più rapido percorso di avvicinamento alla lingua, alla cultura ed all’integrazione.

Fonte: RAI • Via: Governo.it • Immagine: Apprendimento, tramite Shutterstock • Notizie su: