QR code per la pagina originale

Una console videoludica Android da Google?

Una console Android, uno smartwatch e la riedizione del Nexus Q: questi i dispositivi in fase di progettazione presso i laboratori Google secondo WSJ.

,

La versatilità di Android è fuori discussione: da piattaforma indirizzata esclusivamente a smartphone e tablet negli ultimi anni il sistema operativo di Mountain View è passato ad essere la tecnologia alla base di dispositivi ben differenti, compresi quelli dedicati al gaming. Le potenzialità del robottino verde in questo ambito sono già state ampiamente dimostrate da progetti come OUYA, capace di far registrare il sold out nel suo primo giorno di commercializzazione.

Google ne è ben consapevole e, stando a un rumor riportato oggi sulle pagine del Wall Street Journal, sembra essere al lavoro per la realizzazione di una console videoludica Android. La fonte è rimasta anonima, ma viene etichettata dalla redazione statunitense come affidabile e vicina al gruppo californiano. Nessun dettaglio al momento su quelle che saranno le specifiche hardware del prodotto, ma a quanto pare bigG sta facendo tutto “in casa”, dunque senza affidarsi a produttori third party come visto finora per i device mobile. Quasi scontato il supporto alle migliaia di titoli già presenti nel catalogo del Play Store, una delle categorie fino ad oggi maggiormente redditizie per la community di sviluppatori.

WSJ parla anche di uno smartwatch in preparazione nei laboratori di Mountain View e di una riedizione del Nexus Q, particolare box dedicato all’intrattenimento domestico presentato lo scorso anno all’I/O e mai giunto sul mercato. Per quanto riguarda l’orologio intelligente l’obiettivo sembra chiaro: l’azienda non ha alcuna intenzione di arrivare in ritardo in questo nuovo segmento che negli ultimi mesi ha dimostrato di poter crescere in modo considerevole nei prossimi anni. Un device da portare al polso capace di interfacciarsi con gli smartphone per mostrare all’utente notifiche dei messaggi in arrivo, gli aggiornamenti provenienti dai social network e i comandi per la riproduzione dei brani musicali.

L’interesse di Google verso questi nuovi ambiti potrebbe essere stato stimolato anche dalle mosse della concorrenza, Apple in primis, che secondo recenti indiscrezioni avrebbe già avviato la progettazione proprio di uno smartwatch. Durante la presentazione di iOS 7, inoltre, la mela morsicata ha confermato il supporto a controller e joypad third party, una funzionalità già presente da tempo su Android.