QR code per la pagina originale

Yahoo avvisa gli account dormienti

Yahoo ha iniziato ad inviare agli utenti le email di avviso per invitare al login sugli account dormienti: la scadenza è fissata al 15 luglio.

,

Yahoo, come preannunciato, ha iniziato ad avvisare i titolari degli account email dormienti del fatto che l’account stesso sarà depennato nel caso in cui non si effettui un login prima del 15 luglio. L’avviso avviene al momento tramite l’invio di un messaggio di posta elettronica che invita l’utente: «Torna con noi».

Avviso da Yahoo Mail

La data ultima è fissata: chi non esegue login da 1 anno e non ne eseguirà uno entro il 15 luglio, perderà automaticamente il diritto di possedere il proprio account. Il quale, ovviamente, potrà finire nelle mani di altri.

La politica annunciata da Yahoo potrà sembrare per molti versi “cruda”, una costrizione per quanti intendono mantenere un account pur non utilizzandolo. Al tempo stesso, però, è una politica saggia con la quale il gruppo farà pulizia tra i nick, depennerà gli utenti non attivi e consentirà a quanti interessati di potersi impossessare di un indirizzo email facile del tipo tizio.caio@yahoo.com invece di fantasiosi tiziocaio_2001_@yahoo.com. Gli account depennati saranno ripuliti di tutti i contenuti archiviati (email, fotografie, cronistoria, eccetera) e rimessi in circolazione. Il costo per mantenere attivo un account, anche se inutilizzato, è del resto minimo: pochi secondi per effettuare il login e quindi dimenticare nuovamente l’account per un altro anno, tenendolo però “prenotato” per eventuali future necessità o per sfruttarlo su altre proprietà del gruppo quali ad esempio Flickr.

Il linguaggio utilizzato da Yahoo è chiaro:

Una volta riattivato il tuo account, ogni volta che esegui un accesso, la validità del tuo account verrà estesa per altri 12 mesi.

Si tratta quindi di account a scadenza, che vanno rinnovati con almeno un login all’anno. Gli account che non verranno riattivati, quindi, saranno nuovamente disponibili nel caso in cui in futuro il relativo utente ignorerà l’obbligo del login di riabilitazione.

Notizie su: