QR code per la pagina originale

L’auto a idrogeno di Toyota in vendita nel 2014

Circa 40.000 euro di spesa per la prima automobile alimentata esclusivamente a idrogeno di Toyota, in arrivo sul mercato entro la fine del prossimo anno.

,

L’industria automobilistica ha negli ultimi anni concentrato parte dei propri sforzi nella ricerca e nello sviluppo di soluzioni alternative a quelle tradizionali, con l’obiettivo di contribuire a rendere la mobilità più “green”. Per farlo è necessario puntare su sistemi di alimentazione dei motori differenti rispetto a quelli del passato, sollevando chi viaggia dall’obbligo di affidarsi a carburanti ottenuti con processi ad elevato impatto ambientale, che una volta bruciati emettono sostanze inquinanti nell’atmosfera.

Tra i gruppi impegnati in questo ambito figura anche Toyota, che proprio in questi giorni getta le basi per una vera e propria rivoluzione, annunciando l’arrivo sul mercato della prima auto a idrogeno entro la fine del prossimo anno. Non è ancora chiaro se il veicolo sarà marchiato Lexus oppure porterà la “T” sulla carrozzeria, ma le prime specifiche sono già state rese note: la vettura potrà percorrere centinaia di chilometri (si parla di circa 500) con un solo pieno e avrà un prezzo di vendita pari a circa 50.000 dollari, che stando al cambio attuale corrispondono a meno di 40.000 euro.

La presentazione avverrà nel mese di novembre, con tutta probabilità tra i padiglioni dell’evento Tokyo Motor Show. Allora sarà possibile conoscere nel dettaglio anche i sistemi equipaggiati per garantire l’incolumità di conducente e passeggeri anche in caso di impatto: quello relativo alla sicurezza è infatti uno dei temi più delicati da affrontare quando si parla di fuel cell. Proprio per questo motivo Toyota è uno dei membri fondatori di H2USA, una partnership statunitense creata da realtà pubbliche e private per mettere a punto soluzioni affidabili e tecnologicamente avanzate.

Un altro dei problemi da affrontare sarà relativo alle postazioni di rifornimento, oggigiorno pressoché assenti nella quasi totalità del pianeta. La questione è già stata posta in passato per le auto elettriche al loro debutto sul mercato e si proporrà puntualmente ogni volta che l’industria delle quattro ruote lancerà una rivoluzione di questo tipo.

Fonte: Driving.ca • Notizie su: