QR code per la pagina originale

Uplay hacked, Ubisoft: “Cambiate le password”

Dati personali degli iscritti alla piattaforma Uplay a rischio dopo un attacco: Ubisoft consiglia di cambiare immediatamente le credenziali di accesso.

,

Le prime notizie sul possibile attacco nel tardo pomeriggio di ieri, poi tra la notte e questa mattina la conferma: il servizio Uplay è stato violato e i dati personali degli utenti sono a rischio. Con un’email inviata a tutti gli iscritti alla piattaforma, Ubisoft consiglia di cambiare subito la password utilizzata per l’accesso al proprio account, così da scongiurare il rischio che le proprie informazioni possano finire nelle mani sbagliate.

Il publisher francese dunque ammette quanto accaduto, rassicurando di aver già preso tutte le dovute contromisure per sistemare la vulnerabilità sfruttata e interrompere l’accesso ai malintenzionati, avvalendosi della collaborazione di esperti interni ed esterni, rivolgendosi inoltre alle autorità competenti per avviare un’indagine e identificare i responsabili. Chi è riuscito a intrufolarsi nei server ha sottratto parte di un database relativo agli account, contenente username, indirizzi email e password in forma criptata. A tal proposito Ubisoft dichiara che non sono interessate le informazioni sui metodi di pagamento, dunque nessun pericolo per le carte di credito.

Cambiare password è molto semplice: basta recarsi sulla pagina indicata dall’azienda e compilare i campi mostrati, con email e due codici captcha. Un attacco, quello portato a termine nei confronti di Uplay, che non rappresenta certo il primo di questo tipo. Nel mese di aprile la piattaforma era finita nel mirino di un hacker russo, riuscito ad aggirare le protezioni e scaricare in anteprima il gioco Far Cry 3: Blood Dragon, per poi diffonderlo gratuitamente sui circuiti P2P.

Anche nell’estate scorsa si è parlato di un possibile rischio sicurezza, legato a una backdoor inclusa nel Web plugin che Ubisoft obbliga gli utenti a installare per poter utilizzare i titoli protetti con sistemi DRM. A essere interessati alcune uscite della serie Assassin’s Creed, Brothers in Arms: Furious 4, Driver: San Francisco, Heroes of Might and Magic 6, R.U.S.E., Tom Clancy’s Ghost Recon: Future Soldier, Tom Clancy’s Splinter Cell: Conviction e altri ancora.

Fonte: CVG • Notizie su: