QR code per la pagina originale

Google+, GIF animate per le anteprime dei video

L'anteprima dei filmati caricati su Google+ è ora visualizzato nello Stream con una GIF animata: purtroppo lo stesso non vale per quelli di YouTube.

,

Nonostante i quasi trent’anni di onorata carriera alle spalle, le GIF animate sembrano non aver alcuna voglia di andare in pensione. Il formato si mostra vivo e vegeto, anche se forse non ottimizzato come richiederebbero le più moderne tecnologie Web, grazie anche al supporto fornito da Google con il proprio motore di ricerca e social network. Oggi G+ introduce una novità riguardante proprio i file Graphics Interchange Format composti da più frame.

Effettuando l’upload di un filmato sulla piattaforma e condividendolo con gli altri utenti, questi potranno vedere un’anteprima della clip grazie a un’animazione, in modo del tutto simile a quanto si otterrebbe scorrendo velocemente il cursore sulla barra di riproduzione. Purtroppo, almeno per il momento, la funzionalità è attiva esclusivamente per i video caricati direttamente su Google+ e non, ad esempio, per quelli prelevati da altre fonti come YouTube. Di seguito la dimostrazione pratica di quanto spiegato, con un’immagine pubblicata nella giornata di ieri dall’utente Robert Wallis.

Una delle GIF animate che, a partire da oggi, fungono da anteprima per i video di Google+

Una delle GIF animate che, a partire da oggi, fungono da anteprima per i video di Google+

Stando a quanto comunicato da bigG alla redazione di The Next Web, il rollout della funzionalità ha preso il via la scorsa settimana, più precisamente venerdì 28 giugno, raggiungendo come sempre in modo graduale la totalità degli iscritti al social network. Va chiarito che, nonostante questo permetta di capire quale sia il contenuto di un video prima ancora di premere sul pulsante Play, non è propriamente user friendly per coloro che dispongono di connessioni poco veloci.

La GIF animata allegata in questo articolo pesa ben 2,57 MB, un vero e proprio affronto a chi fa dell’ottimizzazione la propria filosofia in Rete, compreso Google: il gruppo di Mountain View si impegna da tempo per ridurre al minimo lo spazio occupato (e la banda consumata) dalle immagini su Internet, come dimostra il progetto WebP che su Chrome Web Store ha già sostituito JPEG e PNG.

Fonte: Robert Wallis su Google+ • Notizie su: ,