QR code per la pagina originale

Facebook Home, cartelle per le app e supporto SD

Facebook aggiunge il supporto per le cartelle a Home e permette di memorizzare l'app Facebook sulla scheda SD del dispositivo Android.

,

Un po’ alla volta, l’azienda di Menlo Park sta aggiungendo al suo launcher per Android tutte le feature richieste dagli utenti. Dopo aver integrato una dock per le app preferite, Facebook Home permette ora di organizzare le applicazioni in cartelle. All’appello manca solo il supporto per i widget che probabilmente verrà aggiunto il prossimo mese. Novità importante anche per Facebook: gli utenti possono memorizzare l’app sulla scheda SD dello smartphone.

Per poter usufruire delle feature complete di Facebook Home è necessario installare anche le app Facebook e Facebook Messenger. Mark Zuckerberg aveva anticipato a metà giugno l’intenzione di integrare Home nell’app ufficiale, ma per adesso sono disponibili separatamente sul Google Play Store, anche se funzionano in simbiosi. In occasione dell’annuncio del Beta Program per Android, l’azienda aveva distribuito le versioni beta delle due applicazioni. Da ieri sera è possibile scaricare le build finali.

Come detto, Facebook Home consente ora di creare le cartelle per le app. L’operazione è molto semplice: basta trascinare un’app su un’altra. Attualmente il launcher è compatibile solo con un numero ridotto di smartphone (HTC One X, HTC One X+, HTC First, Samsung Galaxy S3/S4 e Samsung Galaxy Note II). Nessuna notizia in merito al supporto di altri terminali.

Galleria di immagini: Facebook Home, immagini hands-on

Per l’app Facebook, invece, sono state annunciate più novità. Innanzitutto, è possibile spostare l’app direttamente sulla memoria SD dello smartphone o del tablet. Stranamente, l’opzione è disponibile solo per Android 2.3.7 e versioni inferiori. L’utente può inoltre condividere le notizie all’interno di un messaggio privato, e aprire la chat e i segnalibri con uno swipe, rispettivamente verso destra e verso sinistra. Infine, è stato corretto il bug che inviava i numeri di telefono ai server di Facebook all’avvio dell’applicazione.