QR code per la pagina originale

ATLAS, robot umanoide per attività di soccorso

ATLAS è un robot umanoide alto 1,88 metri e pesante 150 Kg. Sette team di ricercatori dovranno sviluppare un cervello software per gestire tutte le sue funzioni.

,

DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency), l’agenzia governativa del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti incaricata dello sviluppo di nuove tecnologie per uso militare, ha mostrato un nuovo robot umanoide che verrà impiegato in futuro nelle operazioni di soccorso. Il suo nome è ATLAS, è alto circa 1,90 metri, pesa circa 150 Kg e viene alimentato con una tensione di 480 V trifase a 15 kW. Si tratta di uno dei più avanzati robot umanoidi mai costruiti, ma per adesso è solo un involucro fisico per un cervello software che sette team di ricercatori dovranno sviluppare, partecipando alla DARPA Robotics Challenge, un contest che avrà luogo a Miami.

ATLAS è stato realizzato da Boston Dynamics, un’azienda che ha già sviluppato altri robot in passato. I ricercatori dovranno creare algoritmi software che verranno poi trasferiti all’hardware del robot. Il “cervello” consentirà ad un operatore umano di controllare l’insieme di sensori, attuatori, articolazioni e arti che compongono ATLAS. Il robot è equipaggiato con un computer di bordo, 28 articolazioni a comando idraulico, due braccia, due mani, due gambe, un tronco e una testa dotata di sensore LIDAR e sistema di visione stereo.

Dopo aver effettuato i test con un simulatore, i sette team dovranno ora sviluppare un software per controllare il robot nell’ambiente reale, sfruttando tutte le capacità di ATLAS e verificando il suo comportamento in vari scenari. Alla competizione programmata per dicembre parteciperanno anche altri sei team che hanno progettato e realizzato i loro robot. La finale è prevista per dicembre 2014. Il team vincitore riceverà un premio di 2 milioni di dollari.

Ecco il robot umanoide ATLAS realizzato da Boston Dynamics.

Ecco il robot umanoide ATLAS realizzato da Boston Dynamics.

L’obiettivo della gara è trovare il robot più adatto a sostituire gli esseri umani in operazioni pericolose, come il soccorso in caso di terremoti o incidenti nucleari. Oggi esistono macchine in grado di eseguire solo determinati compiti e possiedono funzionalità limitate. La DARPA Robotic Challenge è stata pensata per incentivare lo sviluppo di un robot che possa operare su qualsiasi terreno e in qualsiasi condizione, utilizzando diversi strumenti creati dall’uomo, dal cacciavite ai veicoli.

Fonte: DARPA • Notizie su: