QR code per la pagina originale

Smart city, tra wi-fi e bike sharing

Smartphone e tablet ricaribili nei parchi in punti pubblici magari a energia solare, più servizi di bike e car-sharing, wi-fi libero nei locali pubblici.

,

Wi-fi libero, ma anche energia green e mobilità intelligente, in auto e in bici: sono queste le priorità emerse da un’indagine sulle aspettative dei giovani in materia di smart city condotta da NTT DATA in collaborazione con il Liceo Scientifico Albert Einstein di Milano. Sono stati coinvolti 100 giovani, quasi la metà dei quali, il 48% fra i 15 e i 24 anni, e comunque nel 75% sotto i 40 anni. Quindi, un campione che rappresenta soprattutto i giovanissimi, ma non solo.

Ecco le principali caratteristiche che dovrebbe avere una smart city secondo l’indagine:

  • 82%: wi-fi gratuito nei locali pubblici,
  • 64%: infrastrutture per migliorare la vita dei cittadini,
  • 55%: mezzi pubblici intelligenti,
  • 54%: energia green,
  • 49%: auto elettriche,
  • 46%: più capacità di banda per connettersi,
  • 37%: community di quartiere,
  • 29%: creazione di uno sportello comunale, magari virtuale, dedicato alla raccolta di idee per la città.

Le applicazioni mobili più desiderate per una mobilità intelligente?

  • 51%: informazioni sul traffico in tempo reale;
  • 49%: orari di treni e metropolitane;
  • 45%: colonnine per ricaricare le auto elettriche;
  • 38%: incremento dei servizi di bike sharing;
  • 35%: incremento del car sharing.

Nello spazio dedicato ai commenti liberi, sono emersi spunti in materia di always connect: fra le proposte, quella di punti pubblici per ricaricare le batterie di smartphone, tablet e device mobili, ad esempio nei parchi e nei luoghi di aggregazioni cittadini, magari alimentati ad energia solare.

Due dati interessanti: in vista di Expo 2015, gli intervistati ritengono prioritari servizi online dedicati a intrattenimento e turismo (siti di interesse a Milano e dintorni, 62%, locali e luoghi di svago, 60%, e informazioni su hotel e pernottamenti, 48%), ma anche servizi di bike sharing e car sharing. A tal proposito sussiste anche la proposta di studiare un’applicazione per organizzare il servizio fra utenti della rete.

Infine, in materia di auto elettriche, per noleggiarne una quasi la metà del campione pagherebbe il 10% in più rispetto a una vettura tradizionale con prestazioni analoghe, mentre il 26% sarebbe addirittura disposto a pagare il 20% in più.

L’indagine ha rappresentato un’occasione per gli studenti del liceo scientifico Albert Einstein: cinque di loro hanno avuto accesso a uno stage di quattro settimane presso la sede di NTT Data, partecipando a un team di lavoro multidisciplinare composto da professionisti del mercato “Energy & Utilities” e in particolare alla creazione di due app per smart city.