QR code per la pagina originale

Facebook compra Monoidics, startup italo-inglese

Facebook ha acquisito le competenze di una software house di stanza a Londra specializzata in debugging: CTO e CSO sono italiani.

,

Il team di Monoidics, società specializzata in de-bugging, sarà acquisito da Facebook. Lo hanno annunciato con orgoglio con un post sul loro blog e l’orgoglio si è propagato anche in Italia, paese da cui proviene il loro fondatore, Dino Distefano, quarantenne siciliano trapiantato a Londra. Il loro software che caccia e corregge gli errori di codice ha stregato Mark Zuckerberg.

Gran bel colpo per entrambi: gli asset della società – con sede a Londra e uffici a Seattle e Tokyo – diventano patrimonio del più grande social network del mondo, e il social acquisisce delle competenze che finora erano state appannaggio di diverse compagnie e industrie, soprattutto orientali. Il loro strumento che va a caccia di bug entrerà a far parte del lavoro degli ingegneri di Facebook, ma non a Palo Alto: Philip Su, loro futuro collega, ha spiegato in un post che lavoreranno nella sede di Londra, soprattutto pensando alle applicazioni per smartphone.

Dida ..

Dino Distefano (sin.), Chief Science Officer di Monoidics, è professore alla Queen Mary a Londra e vincitore di prestigiosi riconoscimenti per il suo lavoro sulla verifica automatica del codice sorgente basato sulla teoria matematica della Logica della Separazione; Cristiano Calcagno (des.), Chief Technology Officer, è membro di facoltà presso il Dipartimento di Informatica all’Imperial College di Londra e visiting professor al Politecnico di Zurigo. Ha conseguito il dottorato di ricerca all’università di Genova.

Monoidics: startup globale dal cervello italiano

Basterebbe vedere come la notizia è riportata da TechCrunch – che parla di una «startup inglese» – per capire come sia del tutto velleitario dare una nazionalità a una startup partendo da uno o più componenti del team. Anche se Dino Distefano e Cristiano Calcagno sono in effetti italiani, la società è stata fondata nel 2009 a Londra insieme a Peter O’Hearn, Bee Lavender e il coreano Hongseak Yang. I due vivevano già a Londra dove svolgevano attività accademica. Ed è qui, forse, che purtroppo emerge una storia molto italiana: DiStefano è arrivato alla Queen Mary University dopo essersene andato dall’università italiana, dove non gli era riuscito di conquistare un posto di dottorato a Pisa.

Perché interessa a Facebook

Secondo lo stesso Zuckerberg, Monoidics «fa il miglior software di analisi di altri software». Facebook sta rilasciando a gran ritmo, per ovvie ragioni di diffusione di queste applicazioni, varie versioni e aggiornamenti per Android e iOS. Ha persino lanciato un beta-tester per Android per consentire agli utenti di migliorare alcune caratteristiche. La concorrenza, la qualità di queste applicazioni e il tempo molto ristretto tra le diverse novità che l’ambiente mobile esige aumentano in modo considerevole la probabilità di rilasciare applicazioni con errori. Ecco perché si è tutelata, con il suo stile da gigante della Rete: comprando i migliori.

Fonte: Monoidics • Notizie su: ,