QR code per la pagina originale

FBI si infiltra in Tor e arresta un pedofilo

Sfruttando un bug del Tor Browser, l'FBI ha rintracciato un irlandese accusato di diffondere immagini di abusi sui minori attraverso il provider Freedom Hosting.

,

L’FBI ha spiccato un mandato di arresto per un irlandese di 28 anni, Eric Eoin Marques, considerato “il più grande distributore di pornografia infantile del pianeta”. Per scoprire l’identità del presunto pedofilo, il Bureau ha sfruttato una vulnerabilità in Firefox 17 ESR, sul quale è basato il Tor Browser. Marques, infatti, è il fondatore di Freedom Hosting, un provider di servizi nascosti che garantisce l’anonimato degli utenti attraverso il network Tor. In seguito all’arresto, Freedom Hosting e altri server sono stati disattivati. L’FBI ha chiesto l’estradizione dell’uomo (Marques ha doppia cittadinanza) che, se giudicato colpevole, rischia fino a 30 anni di carcere.

Ma come è stato possibile eludere la protezione di una rete nata per garantire la sicurezza e l’anonimato degli utenti? Il network Tor è utilizzato da migliaia di persone che non vogliono essere tracciati su Internet. L’utente non conosce la posizione dei server e i server non possono permettono di risalire agli indirizzi IP degli utenti. Tor offre però l’anonimato anche ai provider che possono usufruire dei cosiddetti “servizi nascosti“. Freedom Hosting sfruttava questa funzionalità per ospitare siti con immagini di abusi sui minori. Per questo motivo, il provider è stato in passato oggetto di un attacco DoS compiuto dagli Anonymous.

Andrew Lewman, direttore esecutivo del Tor Project, sostiene che qualcuno ha iniettato un codice JavaScript nelle pagine ospitate sui server di Freedom Hosting per sfruttare un bug di Firefox 17 ESR che ha permesso di inviare hostname e MAC address ad un server esterno alla rete Tor. Questo server sarebbe situato nell’area Washington DC-Virginia e gestito direttamente dall’FBI o da altre agenzie governative. Il provider è stato quindi escluso dal network “a cipolla” ed è stato possibile rintracciare Marques.

Quanto accaduto dimostra che nemmeno Tor garantisce l’assoluto anonimato. In questo caso, l’obiettivo è stato quello di rintracciare un distributore di materiale pedopornografico. Tor però viene usato anche da giornalisti, attivisti e informatori (come Edward Snowden), quindi eventuali falle nella sicurezza potrebbero essere sfruttate per altri scopi.

Fonte: Tor Project • Via: ArsTechnica • Immagine: Red sliced onion, via shutterstock • Notizie su: