QR code per la pagina originale

iTunes Radio debutterà a settembre

iTunes Radio è un servizio gratuito, ma l'ascolto dei brani musicali verrà interrotto ogni 15 minuti da uno spot audio e ogni ora da uno spot video.

,

Il prossimo 10 settembre Apple dovrebbe svelare al mondo i nuovi smartphone iPhone 5S e 5C. In quell’occasione sembra molto probabile anche l’annuncio di iTunes Radio, il servizio di streaming musicale integrato in iOS 7. In base alle informazioni raccolte dal sito Ad Age, l’azienda di Cupertino avrebbe già sottoscritto accordi milionari con alcuni marchi famosi per la visualizzazione dei banner pubblicitari durante la riproduzione delle canzoni.

Come viene specificato sul sito del servizio, iTunes Radio sarà disponibile solo negli Stati Uniti, per cui sarà quello il mercato di riferimento dei primi partner Apple, ovvero McDonald’s, Nissan, Pepsi e Procter & Gamble, ai quali si aggiungeranno altri due brand al momento del lancio. Il contratto prevede una campagna di marketing di 12 mesi con prezzi che possono raggiungere le decine di milioni di dollari. La tariffa minima è un milione di dollari. Gli spot, veicolati tramite la piattaforma iAd, saranno di tre tipi: audio, video e “slate”. Questi ultimi sono banner interattivi che verranno mostrati su qualsiasi dispositivo dell’utente.

Gli spot audio interromperanno l’ascolto dei brani ogni 15 minuti. Gli spot video, invece, verranno visualizzati ogni ora e solo se l’utente sta guardando lo schermo, ad esempio prima dell’avvio della riproduzione o in seguito ad un salto traccia. Le inserzioni pubblicitarie saranno presenti su tutti i device in grado di eseguire iTunes Radio, quindi iPhone, iPad, iPod touch, PC, Mac e Apple TV. Il costo degli spot cresce all’aumentare della dimensione del dispositivo (più basso su iPhone, più alto su Apple TV). A partire dal 2014, i partner potranno scegliere uno specifico device target.

iTunes Radio funzionerà in modo simile a Pandora. Il servizio suggerirà le playlist più attinenti ai gusti musicali dell’utente sulla base dei brani ascoltati in precedenza. Si avranno quindi a disposizione stazioni radio personalizzate. È comunque possibile scegliere canzoni, artisti e generi musicali. L’integrazione con Siri permette di usare i comandi vocali per avviare o sospendere la riproduzione, e per chiedere informazioni su artisti e canzoni. I brani preferiti possono essere inseriti nella wishlist, acquistati e aggiunti alla propria libreria.

iTunes Radio è gratuito e finanziato dalla pubblicità. Chi non vuole ascoltare o vedere gli spot può sottoscrivere un abbonamento a iTunes Match (24,99 euro/anno), il servizio di cloud storage che permette di accedere alla propria collezione di brani da qualsiasi dispositivo Apple.

Fonte: Ad Age • Notizie su: , , ,