QR code per la pagina originale

GTA, videogiochi e violenza: la parola a Take-Two

Un bambino di otto anni spara alla nonna dopo aver giocato a GTA 4: il publisher Take-Two interviene per smentire il legame tra videogiochi e violenza.

,

Ieri la notizia di una sparatoria in Louisiana che ha visto protagonisti un bambino di otto anni e la nonna di 87. Il piccolo ha sparato all’anziana dopo aver giocato a Grand Theft Auto 4, almeno secondo la ricostruzione fornita dalle autorità locali. Uno spunto che la stampa non ha tardato a sfruttare per riportare in auge il tanto discusso (e discutibile) legame tra violenza nei videogiochi e nel mondo reale, proprio a poche settimane dal debutto dell’attesissimo nuovo capitolo della serie, GTA 5.

Della questione si potrebbe parlare, e lo si è fatto, all’infinito, con l’opinione pubblica spaccata fra coloro che scelgono di puntare il dito contro i titoli videoludici ritenendoli fonte d’ispirazione per comportamenti criminosi e chi invece sposta l’attenzione su cause e problematiche differenti. Nel caso specifico, ad esempio, sulla possibilità da parte di un bambino di accedere ad un’arma da fuoco. Il publisher Take-Two è intervenuto per dire la propria, con un comunicato comparso sulle pagine del sito CNN.

Attribuire una connessione tra quanto accaduto e l’intrattenimento videoludico rappresenta una teoria smentita più volte da numerosi studi e ricerche indipendenti. Serve a minimizzare il problema in questo momento e spostare l’attenzione dalle cause reali.

Di seguito invece quanto dichiarato dallo sceriffo locale, che non esclude un legame tra il folle gesto e i videogiochi di cui il bambino è appassionato, in particolare GTA 4.

Sebbene il reale motivo della sparatoria sia ancora sconosciuto e oggetto di indagini, si è scoperto che pochi minuti prima dell’omicidio il giovane sospetto stava giocando sulla PlayStation 3 e Grand Theft Auto 4, un titolo realistico ritenuto responsabile di incoraggirare la violenza e che fornisce riconoscimenti a chi uccide altre persone.

Fonte: CNN • Notizie su: ,
Commenta e partecipa alle discussioni
  • 27/08/2013 alle 21:36 #293556

    Mino Rochira
    Membro

    Ma nessun genitore si accorge che non sono giochi per bambini di 8 anni?non dico che dovrebbero avere 18 anni ma almeno negli anni di maturità 14-15 anni ..Non prendetevela con Rockstar Games!Sono solo giochi e poi da dove avrebbe preso quella pistola il bambino?non credo dal gioco -.- Ciao!