QR code per la pagina originale

TechCrunch: il programma del convegno

Annunciato il programma della due giorni a Roma. Tra gli ospiti anche Francesco Caio.

,

Francesco Caio, responsabile dell’Agenda Digitale, la mente digitale dietro la rielezione di Barack Obama, Amelia Showalter, Renato Soru, patron di Tiscali, sono solo alcuni dei tanti ospiti di prestigio del prossimo TechCrunch Italy, l’evento dedicato al digitale e alle startup, organizzato da Populis e TechCrunch, che si terrà il 26 e 27 settembre a Roma, al MAXXI. Oltre a keynote, workshop e dibattiti, anche una startup competition da 50 mila euro.

Il TechCrunch sta ormai assumendo una forma precisa, che conferma la sua natura di evento particolarmente prestigioso per l’ecosistema innovativo italiano. Al Museo di arte moderna della Capitale, infatti, si conosceranno e confronteranno molti esperti di diverse materie accomunate dal tema dell’edizione, il Re-Design: Internet of Things, contaminazioni tra web, tivù e Cinema, crowdfunding, web e politica e molto altro animeranno il convegno. Il programma in agenda è molto ricco e vedrà il 26 settembre in mattinata un relatore certamente molto atteso: Mr. Agenda Digitale, Francesco Caio, interverrà per illustrare lo stato attuale della scena italiana delle startup.

Il 27 settembre, invece, sarà la volta dell’attesissimo keynote di John Underkoffler, founder di Oblong e ideatore dell’interfaccia del film Minority Report, uno degli scienziati e innovatori più illuminati degli ultimi 20 anni, e di Jeff Hagins (Founder di SmartThings), Martin Varsavsky (Founder del Global WiFi Network FON), Andreas Wiele (President di Bild) Giorgio Brenna (Chairman e CEO Italy di Leo Burnett) Efe Çakarel (founder di MUBI, piattaforma social dedicata al cinema d’autore), Lucas Carné (co founder e CEO di Privalia) e molti altri.

(da sinistra): John Underkoffler, Amelia Showalter e Andreas Wiele.

(da sinistra): John Underkoffler, Amelia Showalter e Andreas Wiele.

La vetrina delle aziende

Una vasta selezione delle migliori aziende innovative del Paese sarà in mostra alla Startup Alley: una vetrina sul mondo per lanciare la “next big thing” di fronte a centinaia di investitori, incubatori, business angels e VC da tutto il mondo. I più importanti nomi, noti nell’ambiente, abituati a valutare la fattibilità di un progetto e a investire. Per TechCrunch passeranno Fabrice Grinda (co-founder di OLX e investor), Nenad Marovac (DN Capital), Paolo Barberis (Nana Bianca), Roberto Bonanzinga (Balderton), Fausto Boni (360 Capital), Jose Marin (IG Expansion), Lorenzo Franchini (Italian Angels For Growth), Massimiliano Magrini (United Ventures), Riccardo Donadon (H-Farm), Yossi Vardi (early stage angel), Marco Marinucci (Mind The Bridge), Salvo Mizzi (Working Capital), Mauro Pretolani (TLCom) e molti altri.

Le startup finaliste

TechCrunch è quindi anche un evento importante per le startup. Gli 8 progetti finalisti che si contenderanno il premio di 50 mila euro, sfruttando l’occasione di un pitch, saranno annunciati nei prossimi giorni e verranno selezionati fra i 34 semifinalisti già resi noti, usciti da una rosa di 200 candidature. La giuria prenderà in considerazione le qualità di queste giovani realtà per decretare il successore di Atooma, vincitrice della prima edizione del 2012. Nell’elenco si nota anche una startup di cui si è parlato tempo fa, 20lines. Ecco le startup semifinaliste:

  • 20lines
  • Aenduo
  • Aliena
  • AppyDrink
  • Bauzaar
  • BeMyEye
  • CharityStars
  • Fannabee
  • Fattura24
  • Fifthelement
  • Fluentify
  • Genessere
  • GiPStech
  • GoOut
  • Jamgle
  • KeepApp.me
  • Kuldat
  • Meedley
  • Metwit
  • MobyPlanner
  • PanPan
  • Pathflow
  • QuestionCube
  • Ribble
  • S&S and Authentica
  • Sellf
  • Smarfle
  • Soons
  • Sportboom
  • Timerepublik
  • Vesenda
  • Vivocha
  • Welco
  • WIB

Fonte: TechCrunch Italy • Notizie su: