QR code per la pagina originale

La Mercedes-Benz Classe S 500 che viaggia da sola

Mercedes-Benz ha testato con successo il funzionamento di una Classe S 500 con tecnologia Intelligent Drive, capace di guidare in modo del tutto autonomo.

,

L’automobile che guida da sola è una realtà, anche se ancora non alla portata di tutti. Una delle prime aziende impegnate nello sviluppo di una tecnologia di questo tipo è stata Google, con la sua Self-Driving Car, poi anche Audi, Nissan e Toyota hanno avviato test ed esperimenti simili. Nemmeno l’Italia è stata a guardare, come dimostra il progetto PROUD-Car portato avanti con risultati finora promettenti dagli ingegneri dell’Università di Parma. Oggi si parla invece di Mercedes, che ha scelto un percorso di importanza storica per mettere alla prova le proprie competenze in questo ambito.

Nel 1888 Bertha Benz partì per un’impresa senza precedenti, il primo lungo viaggio in automobile da Mannheim a Pforzheim. Moglie di Karl Benz, considerato il padre delle vetture moderne, riuscì a compiere un percorso oggi diventato strada turistica, percorrendo ben 194 Km. 125 anni dopo Mercedes-Benz replica il viaggio, con una quattro ruote sperimentale in grado di destreggiarsi nel traffico senza necessità di intervento da parte del conducente. Si tratta di una Classe S 500 equipaggiata con tecnologia Intelligent Drive, in cui telecamere e sensori diventano gli occhi attenti del mezzo su ciò che lo circonda, in grado di interpretare la conformazione della strada e individuare situazioni di potenziale pericolo.

Come funziona il sistema di sensori e videocamere integrato sulla Mercedes-Benz Classe S Intelligent Drive

Come funziona il sistema di sensori e videocamere integrato sulla Mercedes-Benz Classe S Intelligent Drive

Con questa Classe S mostriamo dove vogliamo arrivare con l’Intelligent Drive e quali ingenti potenzialità sono racchiuse nelle tecnologie disponibili già oggi. Sicuramente per andare da Mannheim a Pforzheim con la guida autonoma sarebbe stato molto più semplice prendere l’autostrada. Ma è stato per noi un grande stimolo realizzare la guida autonoma proprio su questo percorso, 125 anni dopo Bertha Benz. Non ci chiameremmo Mercedes-Benz, se non ci ponessimo obiettivi ambiziosi e non riuscissimo poi anche a raggiungerli.

È quanto dichiarato da Dieter Zetsche, presidente del consiglio direttivo di Daimler AG e responsabile di Mercedes-Benz Car. Al momento è impossibile stabilire una tempistica precisa che separa tecnologie di questo tipo dal debutto commerciale. Per il progetto di bigG si è parlato indicativamente del 2018, ma i tempi potrebbero inevitabilmente variare per una lunga serie di fattori: concorrenza, interesse da parte degli acquirenti, costi di sviluppo ecc. Per saperne di più sul comparto software che gestisce le informazioni a bordo della Mercedes-Benz Classe S 500 Intelligent Drive è disponibile un approfondimento su queste stesse pagine.

Notizie su: