QR code per la pagina originale

App YouTube e modalità offline: nuovi dettagli

A novembre le applicazioni mobile di YouTube consentiranno il download dei video nella memoria interna: gli utenti avranno 48 ore per vederli offline.

,

All’inizio di questa settimana Google ha annunciato una novità in arrivo per quanto riguarda le applicazioni ufficiali YouTube su dispositivi mobile, ovvero la possibilità di scaricare i filmati nella memoria interna dello smartphone (o tablet) per vederli in un secondo momento in modalità offline, anche se non si dispone di una connessione Internet. L’annuncio è stato piuttosto vago in merito al funzionamento, ma fortunatamente emergono oggi nuovi dettagli.

A quanto pare gli utenti vedranno comparire un pulsante chiamato “Add to device” (con tutta probabilità “Aggiungi al dispositivo” in lingua italiana) a fianco di video e playlist. Un tap darà il via al download, con le clip elencate all’interno della sezione “On device” (“Sul dispositivo”) nella schermata principale. Si avranno poi a disposizione 48 ore per vedere i filmati, dopodiché i file saranno automaticamente resi inutilizzabili e verrà richiesta nuovamente una connessione per accedere allo streaming. È stato inoltre precisato che anche offline non mancheranno banner e inserzioni pubblicitarie.

La funzionalità sarà introdotta con un aggiornamento delle applicazioni previsto per il mese di novembre. I creatori dei contenuti e i partner di YouTube hanno tempo fino al lancio per specificare se vogliono o meno abilitare questa possibilità per i propri video. I partner, in particolare, potranno decidere se consentirla in alcuni paesi specifici o negarla in altri. I dettagli sono stati resi noti con un’email inviata direttamente da Google, dunque possono essere ritenuti a tutti gli effetti ufficiali.

La modalità offline di YouTube è certamente una delle più desiderate da parte degli utenti, che spesso si sono visti costretti a ricorrere a software esterni o soluzioni third party per poter vedere i filmati anche quando non connessi. Il gruppo di Mountain View ha preso in considerazione le loro richieste, con una feature che di certo verrà accolta a braccia aperte.

Fonte: AllThingsD • Notizie su: