QR code per la pagina originale

Colin Farrell nel film di World Of Warcraft?

Nel cast di attori che darà vita al film di World of Warcraft potrebbero figurare anche Colin Farrell e Paula Patton: la pellicola debutterà nel 2015.

,

I punti di contatto tra il mondo videoludico e quello del cinema non hanno portato sempre ai risultati auspicati. Spesso i tie-in si sono rivelati al di sotto delle aspettative, realizzati con poca cura o scarsa attenzione al concept originale. Per il film di World of Warcraft le ambizioni sono grandi, soprattutto se si considerano i nomi in gioco: alla regia è già stato confermato Duncan Jones (figlio di David Bowie), autore di un’ottima prova con “Moon” nel 2009, mentre oggi si parla degli attori.

Potrebbero far parte del cast l’irlandese Colin Farrell e l’americana Paula Patton. A riportare l’indiscrezione sono le pagine del sito Deadline, solitamente ben informato su tutto ciò che riguarda le star hollywoodiane. La fonte del rumor dichiara che la possibilità di vederli portare sul grande schermo la pellicola ispirata al MMORPG più giocato di sempre è attualmente pari al 50%. Jones starebbe infatti valutando anche altri nomi, in modo da trovare quelli in grado di adattarsi meglio alla sceneggiatura scritta da Charles Leavitt (“Blood Diamond”). Le fase di produzione prenderà il via nel mese di gennaio, dunque tra non molto potrebbero essere confermati i protagonisti scelti.

Il gioco di ruolo prende vita in un’ambientazione medievale, con i protagonisti rappresentati da avatar alle prese con grifoni, draghi, zombie, lupi mannari ed elfi. Anche viaggi nel tempo e mondi alieni faranno parte del mix.

Questa la breve descrizione fornita da Deadline, non del tutto precisa come ben sanno i giocatori di World of Warcraft. Le premesse perché si possa assistere al lancio di un progetto interessante e ben curato ci sono tutte. Paradossalmente, l’esordio nelle sale del film fissato per il 2015 potrebbe corrispondere ad uno dei momenti di minor successo per WoW. Il titolo MMORPG sta infatti perdendo costantemente utenti, un fenomeno comunque giustificato dalla sua permanenza sul mercato che il prossimo festeggerà il suo decennale.