QR code per la pagina originale

Google+ integrato nei commenti di YouTube

L'integrazione di Google+ su YouTube sarà sempre più profonda: il social network andrà a influenzare la visualizzazione dei commenti lasciati ai video.

,

Dopo aver fatto lo stesso con le recensioni delle app su Play Store, il gruppo di Mountain View annuncia l’integrazione della tecnologia messa a disposizione dal social network Google+ anche nei commenti di YouTube. L’obiettivo è chiaro: attribuire un’importanza sempre maggiore ai messaggi scritti dalle persone che si conoscono, evolvendo così ulteriormente il portale di video sharing in chiave 2.0. Ecco quanto annunciato nella notte con un post sul blog ufficiale.

A proposito delle conversazioni su YouTube, i commenti più recenti non sono necessariamente anche i più rilevanti. Dunque, i commenti si trasformeranno presto nelle conversazioni che più vi interessano. Nei prossimi mesi, i commenti lasciati dalle persone a cui tenete verranno mostrati con priorità, in modo che possiate vederli. Inoltre, nuovi strumenti consentiranno ai creatori dei video di moderare le conversazioni.

Il primo cambiamento si noterà già a partire dai prossimi giorni, quando le conversazioni di G+ saranno integrate nelle discussioni relative ai canali. Lo stesso avverrà anche per i singoli filmati, ma solamente più avanti, entro la fine dell’anno. Di seguito un’immagine che mostra l’aspetto che avrà la sezione relativa ai commenti nei prossimi mesi.

Presto i commenti di YouTube saranno basati sulla tecnologia di Google+

Presto i commenti di YouTube saranno basati sulla tecnologia di Google+

In definitiva, verranno spostati nella parte superiore della sezione i commenti scritti direttamente da chi ha creato o caricato il video, quelli lasciati da nomi celebri, le discussioni più accese a proposito del filmato e i messaggi delle persone che si trovano nelle cerchie dell’utente su Google+. Ancora, ogni volta che si scriverà qualcosa sarà possibile decidere se condividerlo pubblicamente sul social network oppure mantenerlo privato. Ecco dunque spiegata l’esigenza di utilizzare nome e cognome reali al posto dello pseudonimo su YouTube, una richiesta che bigG fa agli utenti fin dal luglio 2012.

Fonte: YouTube Official Blog • Notizie su: ,