QR code per la pagina originale

Xbox One, i giochi Xbox 360 forse via cloud

Novità sulla Xbox One: Kinect sarà in grado di riconoscere due voci contemporaneamente, si parla inoltre di un servizio di cloud gaming simile a Gaikai.

,

A meno di due mesi dal lancio della Xbox One, emergono nuove informazioni circa le funzionalità della console di nuova generazione, che avrà un Kinect in grado di riconoscere due voci contemporaneamente. Inoltre Microsoft starebbe preparando un servizio utile a eseguire i giochi sviluppati per Xbox 360 in streaming.

Microsoft starebbe infatti costruendo un proprio servizio di cloud gaming, simile a quello che proporrà Sony con Gaikai (nel 2014) sulla propria piattaforma, la PS4. Secondo quanto svelato da The Verge, il colosso di Redmond avrebbe infatti mostrato a porte chiuse Halo 4 in esecuzione in streaming su Windows Phone e PC di fascia bassa, utilizzando un controller Xbox 360.

La funzionalità andrebbe pertanto a consentire il cloud gaming dei titoli Xbox 360 sulle piattaforme basate su Windows. Lo sviluppo del servizio non è ancora stato confermato ma, se venisse esteso anche alla Xbox One, rappresenterebbe senza dubbio una diretta risposta a ciò che farà Gaikai con la PlayStation 4.

Giungono novità, stavolta in via ufficiale, anche riguardo il Kinect di nuova generazione che si troverà in ogni confezione della Xbox One. In base a quanto comunicato dal vice presidente corporate di Microsoft, la periferica che rileva i movimenti è anche in grado di riconoscere due voci differenti che parlano contemporaneamente, nonché si leggere il labiale degli utenti anche in condizioni di scarsa visibilità. Ciò è possibile grazie alle nuove capacità di scansione tridimensionale integrate, che permettono un riconoscimento facciale avanzato (con dati tratti da ben 1400 punti) e una riproduzione più naturale dei movimenti.

Xbox One sarà acquistabile in Italia a partire dal 22 novembre, al prezzo di 499 euro e con Kinect incluso nel bundle. Sfiderà la PS4, in uscita una settimana dopo ma che ha dalla propria parte un vantaggio di cento euro in meno sul prezzo al pubblico.