QR code per la pagina originale

Nexus 5 e Android 4.4 KitKat il 15 ottobre?

La presentazione dello smartphone Nexus 5 e del sistema operativo Android 4.4 KitKat potrebbe avvenire la prossima settimana, nella giornata di martedì.

,

Martedì 15 ottobre. È questa la data da segnare sul calendario per chi segue da vicino le evoluzioni dell’universo mobile: tra meno di una settimana Google potrebbe annunciare in via ufficiale il nuovo smartphone Nexus 5, di cui si conoscono già le specifiche tecniche grazie al leak del manuale, oltre al sistema operativo Android 4.4 KitKat nato dalla collaborazione con Nestlé. A riportarlo è la redazione di CNET, citando una fonte ascoltata in occasione dell’evento Launchpad organizzato proprio da bigG.

Una nota curiosa: pare che agli sviluppatori intervenuti siano stati offerte delle fette di Key Lime Pie e snack KitKat. Per chi non lo dovesse ricordare, KLP è stato per diversi mesi il nome in codice attribuito alla nuova release della piattaforma, prima che Google parlasse in via ufficiale di KK. Il gruppo di Mountain View ovviamente non commenta i rumor, lasciando che sia la Rete a decidere se si tratta di indiscrezioni fondate o meno. Passando al telefono, ancora non è dato a sapere quando avverrà il lancio, mentre per quanto riguarda il prezzo tutte le informazioni puntano verso una commercializzazione a circa 300 euro in Europa.

Il display di Nexus 5 avrà quasi certamente una diagonale pari a 5 pollici Full HD (o 4,95 come anticipato dalla fuga d’informazioni), mentre il resto del comparto hardware dovrebbe essere costituito da un processore Qualcomm Snapdragon 800 da 2,3 GHz, 2 GB di RAM, 16 o 32 GB di memoria interna, batteria da 2.300 mAh ricaricabile anche in modalità wireless, modulo NFC, WiFi, Bluetooth, GPS, sensore di luce ambientale, di prossimità, di pressione, accelerometro, giroscopio e bussola digitale. Nonostante un aumento nelle dimensioni dello schermo, la scocca non dovrebbe essere più ingombrante rispetto a quanto visto a fine 2012 con il modello precedente. Non resta dunque che attendere qualche giorno per saperne di più su quella che sarà la prossima evoluzione dell’ecosistema mobile firmato bigG.

Fonte: CNET • Notizie su: , , , ,