QR code per la pagina originale

Web e salute: nasce dottori.it

Il nuovo motore di ricerca aiuta a trovare un medico specialista in città e a prenotare una visita medica. È il trend più forte della Rete.

,

Sempre più persone usano la Rete per informarsi sulla salute. In Italia la tendenza è molto pronunciata, per questo sull’esempio di altri siti all’estero è nato Dottori.it, un motore di ricerca che ha lo scopo di permettere di trovare medici specializzati e di prenotare una visita.

L’interesse degli italiani per il tema sanitario è noto. Internet è la prima fonte di informazione per gli italiani che acquistano beni di lusso, cercano conoscenza di qualità (esperti di un qualunque tema, dalla moda alla salute). Alle sue potenzialità sociali ed economiche si è dedicata anche Karem Nahum, Chief Digital Officer di Humatas, nella sua relazione agli InternetDays di Milano. Era solo questione di tempo, quindi, prima che qualcuno pensasse di costruire un motore di ricerca che sfruttasse e indirizzasse queste esigenze non verso l’indifferenziato delle risorse online, ma verso un database opportunamente costruito per dare soluzioni.

Cosa si cerca in Rete riguardo alla salute. Le statistiche raccolte da Karen Nahum di Humanitas.

Cosa si cerca in Rete riguardo alla salute. Le statistiche raccolte da Karen Nahum di Humanitas. (immagine: Karem Nahum).

Dottori.it non è una startup precedentemente incubata, ma è nata subito grazie all’investimento di alcuni imprenditori che da tempo lavorano nel web e hanno colto questa opportunità. La società, una srl con sede a Milano, è costituita da una quindicina di persone, compresi programmatori e commerciali, e sta cercando personale. I primi intenti a sviluppare il sito, i secondi a girare il paese e contattare fisicamente i medici per proporre loro di entrare nel sito. Vito Ciardo, General Manager della società, spiega così il concetto: mettersi a disposizione dei professionisti perché loro stessi diano un servizio agli utenti:

Essere rintracciabile in rete non è più un elemento accessorio della vita professionale di uno specialista, perché i cittadini hanno imparato ad associare al passaparola la verifica della reputazione del professionista di cui si è sentito parlare. Non è un caso, infatti, che il 21% degli utenti di Dottori.it punti a conoscere il curriculum e le referenze, oltre che i contatti, del medico che già conosce.

Dopo una fase offline di caricamento delle prime schede di medici, il sito è online da poche settimane e funziona tramite tre passi: si seleziona uno specialista (dall’allergolo al chirurgo allo psicoterapeuta: ci sono tutte le specializzazioni) e la prestazione richiesta, il motore poi restituisce come risultati i medici disponibili in città. Per ogni medico c’è una scheda profilo dettagliata, grazie alla quale si può prenotare una visita. Da quel momento il rapporto è medico-paziente, sia diretto – quando è possibile viene pubblicato il numero di telefono dello studio – sia mediato dal sito con apposito form per contattare il medico.

L’idea forte di questo motore è quella di mettere assieme il concetto di search engine con quello di social professionale: Dottori.it infatti trova le risorse di una certa rete di specialisti e permette di valutare i curriculum e contattarli, come un LinkedIn dei medici. Gli altri tool del sito completano il servizio: un google maps taggato, una sezione news con articoli in ambito medico e anche un glossario delle specializzazioni mediche.
Il modello di business è ovviamente legato alla vetrina che il sito garantisce al professionista, che viene invitato ad iscriversi anche con un promozione gratuita per i primi due mesi. In questo momento i medici presenti sono più di mezzo migliaio e coprono le città di Milano e Roma ma si estenderà a breve anche nel resto d’Italia: Napoli sarà la terza città disponibile.

Fonte: Dottori.it • Notizie su: ,