QR code per la pagina originale

Google Glass e occhiali da vista: si può fare

Nuove conferme sulla possibilità di utilizzare Google Glass per chi porta gli occhiali da vista: questa volta arrivano da una dipendente dell'azienda.

,

Google Glass potrà essere indossato da chi già porta occhiali da vista. Un’ottima notizia per tutti coloro che non possono fare a meno delle lenti correttive. L’ennesima conferma arriva oggi da un’immagine condivisa sul social network G+, che mostra Jenny Murphy (dipendente di bigG) mentre utilizza il dispositivo per la realtà aumentata sopra una montatura tradizionale.

Non è in realtà la prima volta che se ne parla. Già nel mese di marzo Google aveva toccato l’argomento, con una dichiarazione contenente riferimenti al design modulare del prodotto, che ne consentirà l’installazione sopra gli occhiali utilizzati quotidianamente.

Una delle domande che ci rivolgono più spesso è se Glass sarà compatibile con gli occhiali da vista. La risposta breve è: sì! Il design di Glass è modulare, dunque sarete in grado di aggiungere il supporto e la lente ai vostri attuali occhiali. Sappiamo quanto questo sia importante e ci abbiamo lavorato molto.

Nel mese di luglio è poi stato scovato un brevetto che mostra il funzionamento del sistema, rassicurando così ulteriormente chi non può fare a meno dei propri occhiali da vista ma desidera comunque mettere le mani su Google Glass. Si ricorda che il gruppo californiano non ha ancora annunciato in via ufficiale una data di commercializzazione: le ipotesi più accreditate puntano alla primavera 2014, almeno per quanto riguarda il territorio americano, ma non è da escludere che il lancio possa essere posticipato.

Proprio oggi bigG ha dato un’ennesima dimostrazione delle potenzialità offerte dal device, fornendone cinque unità ad altrettanti organizzazioni no profit, che le impiegheranno durante la loro attività di tutti i giorni. L’ultimo aggiornamento software, rilasciato all’inizio del mese, ha introdotto la funzione Transit per consultare orari e percorsi dei trasporti pubblici come treni, autobus o metropolitane. Intanto anche la concorrenza si sta già muovendo, con in testa Microsoft.