QR code per la pagina originale

Test incoraggianti per la driverless car di Google

A livello di sicurezza su strada, la vettura che guida da sola progettata dagli ingegneri di Google ha già superato nei test l'automobilista medio.

,

Proseguono i test sulla self-driving car di Google, ovvero l’automobile in grado di guidare da sola, senza alcun intervento umano. Il progetto è stato avviato negli anni scorsi dal gruppo di Mountain View e ha già raggiunto le strade di alcuni territori statunitensi. Secondo quanto riportato dalla testata TR del MIT, la tecnologia ha già percorso centinaia di migliaia di chilometri sull’asfalto di California, Nevada e Florida, raccogliendo dati più che incoraggianti.

Le informazioni registrate da Google sulle Prius e Lexus capaci di guidare autonomamente, mostrano che sono più sicure rispetto agli umani che si mettono al volante, almeno secondo quanto dichiarato dal capo del progetto Chris Urmson. Intervenuto nel fine settimana all’evento RuboBusiness di Santa Clara, ha infatti dichiarato che le collisioni con le altre auto rappresentano un problema sempre meno importante. Questo grazie ad un principio fondamentale che gli automobilisti spesso tendono a non considerare, soprattutto nelle città dove il traffico è particolarmente intenso o percorrendo una strada a velocità elevate: il rispetto della distanza di sicurezza.

Nell’occasione Urmson ha mostrato anche la nuova dashoard installata all’interno dell’abitacolo, che aiuta chi si trova nel veicolo a capire come funziona il complesso sistema di telecamere, sensori e algoritmi capaci di guidare una quattro ruote. Tutto sembra dunque indicare un avvicinamento del progetto al mercato. In passato si è discusso della possibilità di fornire la tecnologia alle case automobilistiche, perché possa essere impiegata sulle vetture da commercializzare entro il 2018. A questo proposito, ecco le parole di Urmson.

Stiamo pensando a diverse opzioni per portarla sul mercato, ma al momento non posso dire nulla.

Google conferma dunque di essere già in trattativa con alcuni colossi delle quattro ruote per rendere la sua driveless car una realtà alla portata di tutti in futuro. Uno dei problemi che potrebbero rallentare o frenare l’avvento di veicoli simili è rappresentato dalla legislazione. Si è parlato più volte di potenziali difficoltà con la stipula dei contratti offerti dalle compagnie assicurative (per l’attribuzione delle responsabilità nel caso di incidente) oppure di un codice stradale ancora non pronto ad accogliere una rivoluzione di questo tipo.