QR code per la pagina originale

WhatsApp per iPhone: uso e caratteristiche

Tutto sulla versione iOS di WhatsApp, per iPhone: come si scarica, come attivarla e quali sono le funzioni. È possibile usarla su iPhone jailbroken.

,

Oltre che per smartphone Android, Windows Phone e Nokia, la popolare applicazione WhatsApp è disponibile per iPhone ed è in testa ai software iOS più scaricati da App Store. Il download e l’uso sono gratuiti per i primi dodici mesi, mentre successivamente sarà necessario pagare un piccolo canone annuale.

La versione iOS è finora compatibile solo con iPhone dunque non è possibile usare WhatsApp su iPad e iPod Touch. Per scaricarla è necessario che il proprio dispositivo esegua iOS 4.3 o versioni successive ed è possibile sfruttarla anche su iPhone jailbroken o sbloccati, dato che lo sviluppatore non ha imposto alcuna limitazione a riguardo.

Una volta installata, WhatsApp richiederà un numero di telefono – che può essere quello dell’iPhone che si sta usando oppure quello di un altro dispositivo – dove l’utente riceverà un SMS con un codice che sarà necessario inserire nell’interfaccia dell’app o attivare tramite link. A questo punto il gioco è fatto: WhatsApp accederà infatti alla Rubrica del telefono e troverà i contatti che usano lo stesso servizio, riportandoli in una propria lista. WhatsApp funziona dunque esclusivamente con altri utenti che hanno scaricato l’applicazione, non con tutti i contatti dell’utente.

Le funzionalità di WhatsApp per iPhone sono identiche a quelle che caratterizzano le altre versioni per Android, Windows Phone e dispositivi Nokia. Si avrà dunque la possibilità di inviare/ricevere messaggi di testo, messaggi vocali e contenuti multimediali come foto, video e suoni. Possibile anche la chat di gruppo fino a 30 persone, i messaggi broadcast, il consumo dati effettuato (vedere su Impostazioni -> Utilizzo) e il blocco di ogni singolo utente.

WhatsApp per iPhone è a pagamento?

Fino a metà luglio 2013, WhatsApp per iPhone era scaricabile solo a pagamento (0,89 euro) mentre le versioni per gli altri sistemi operativi mobile erano gratuite. Successivamente, lo sviluppatore ha optato per un unico modello, identico su tutte le piattaforme: il download dell’applicazione è diventato gratuito, così come il suo utilizzo per i primi dodici mesi. Successivamente si dovrà pagare un abbonamento annuale per continuare a usarla, il cui costo è differente a seconda che lo si faccia per un anno (0,89 euro), per tre anni (2,40 euro) o per cinque anni (3,34 euro).

Immagine: Flickr • Notizie su: , , ,