QR code per la pagina originale

Android 4.4 KK: editor foto, widget e Photo Sphere

Fra le novità introdotte da Android 4.4 KitKat anche nuovi strumenti per la modifica delle immagini e miglioramenti alla modalità di scatto Photo Sphere.

,

Annunciato ufficiale giovedì insieme allo smartphone Nexus 5, il nuovo sistema operativo Android 4.4 KitKat arriverà a breve anche sul resto dei dispositivi della linea Nexus e, in un secondo momento, anche su smartphone e tablet degli altri produttori. Le novità più importanti sono già state passate in rassegna all’interno di un articolo pubblicato subito dopo la presentazione, ma come sempre accade in questi casi, ci sono molte altre funzionalità inedite introdotte da Google nella piattaforma.

Nel fine settimane se ne è parlato molto in Rete. Tra queste anche un’impostazione aggiuntiva riguardante gli widget da mostrare nella schermata di blocco introdotti con la release 4.2. Sarà ancora possibile aggiungerli, ma solamente dopo aver abilitato un’apposita opzione tra le impostazioni. Un accorgimento preso da bigG per scongiurare eventuali rischi relativi alla privacy. Fino ad oggi, infatti, chiunque era in grado di inserire nuovi elementi nella lockscreen, visualizzando così automaticamente informazioni personali come messaggi o aggiornamenti dai social network, senza conoscere la sequenza di sblocco o il PIN del dispositivo.

Passi in avanti anche per quanto riguarda l’editing delle immagini. Google ha infatti migliorato gli strumenti per la modifica inclusi nell’applicazione Galleria, con un layout completamente inedito (sia su smartphone che per i tablet) e un numero maggiore di regolazioni per filtri ed effetti. Il funzionamento è mostrato in modo piuttosto chiaro nel filmato in streaming di seguito. Va inoltre segnalato che si tratta di un tool “non distruttivo”, ovvero che permette di recuperare e ripristinare in qualsiasi momento la versione originale dell’immagine.

Con Android 4.4 KitKat evolve anche la modalità di scatto panoramico Photo Sphere. Chi ha già avuto modo di testarla parla di un processo di rendering reso più veloce dall’impiego ottimale dei processori multi-core e di un miglior assemblaggio tra le varie immagini per ottenerne una a 360 gradi. In altre parole: niente più persone in movimento oppure oggetti tagliati a metà.

Fonte: Android Police • Via: Android Police • Notizie su: ,