QR code per la pagina originale

Street View nell’aeroporto Gatwick di Londra

Il team di Google ha fotografato l'interno dell'aeroporto di Gatwick, a Londra, caricando poi le immagini panoramiche a 360 gradi su Street View.

,

Il database fotografico di Street View si arricchisce oggi con le immagini panoramiche a 360 gradi scattate all’interno dell’aeroporto di Gatwick, a Londra. Si tratta del secondo scalo più importante della capitale inglese (dopo Heathrow). La mappa invece, considerando le altre realizzate finora all’interno degli edifici, è la più grande d’Europa tra quelle ospitate sulla piattaforma di Google.

Basta dunque un click per una passeggiata virtuale tra gate, depositi bagagli, ristoranti, corridoi, sale d’attesa e collegamenti con le stazioni ferroviarie. Le immagini messe insieme dal team di bigG (il progetto è partito a giugno) sono circa 2.000, scattate nei terminal Nord e Sud della struttura, che ogni anno accoglie oltre 34 milioni di passeggeri provenienti e diretti in tutto il mondo. L’aeroporto è dotato di due piste parallele, il cui utilizzo per il decollo o l’atterraggio dei velivoli è deciso in base alle condizioni meteo, oppure all’esigenza di apportare interventi di manutenzione. Di recente è stata costruita una sopraelevata per rendere più veloce il trasferimento dal terminal nord ad alcuni gate.

L'interno dell'aeroporto di Gatwick su Street View

L’interno dell’aeroporto londinese di Gatwick su Street View

Non si tratta della sola novità odierna su Google Maps. La versione desktop del servizio ha infatti ricevuto proprio nelle ore scorse un importante aggiornamento, riguardante una più profonda integrazione con Street View, il ritorno dell’assistente Pegman, visite turistiche basate su Earth e indicazioni stradali migliorate grazie alla tecnologia messa a disposizione da Waze, gruppo acquisito nei mesi scorsi per 1,3 miliari di dollari. Il team di bigG sembra aver scelto di dedicare un’attenzione particolare a Londra per quanto riguarda SV, come dimostra anche il recente caricamento delle immagini scattate sulle acque del Tamigi e a bordo del sottomarino HMS Ocelot impiegato dalla marina militare nel secolo scorso.