QR code per la pagina originale

Parrot AR.Drone 2.0 si pilota con un tablet Windows 8

Microsoft e Parrot hanno siglato un accordo per lo sviluppo di applicazioni dedicate ai prodotti dell'azienda francese, tra cui il quadricottero AR.Drone 2.0.

,

Nel corso di un incontro avvenuto a Parigi tra Henri Seydoux, fondatore e CEO di Parrot, e Steve Ballmer, CEO di Microsoft, le due aziende hanno ufficializzato l’inizio di una collaborazione che porterà allo sviluppo di applicazioni specifiche per i prodotti Parrot. Sul Windows Phone Store è già disponibile l’app per la gestione della cuffia Parrot Zik, mentre all’inizio di dicembre verrà rilasciata l’app che permetterà di pilotare il Parrot AR.Drone 2.0 con un tablet Windows 8.

Speciale: Tutto sui droni

Il primo risultato della collaborazione è rappresentato dalla Parrot Audio Suite per Windows Phone 8. Con questa app gratuita gli utenti possono regolare i parametri audio delle cuffie Parrot Zik. È possibile configurare l’effetto Parrot Concert Hall, migliorare l’esperienza di ascolto, utilizzare un equalizzatore predefinito o adottare impostazioni personalizzate, attivare o disattivare la funzione Active Noise Cancellation, controllare il livello di autonomia della batteria, scaricare l’ultima versione del software, entrare nell’universo Zik grazie al tutorial integrato e attivare l’arrangiamento ‘Tuned by Lou Reed’, progettato dalla leggenda del rock.

Le cuffie integrano un chip NFC, quindi permettono un collegamento istantaneo con gli smartphone Nokia Lumia 920 o 1020. La versione per Windows 8 è prevista per dicembre.

Parrot AR.FreeFlight è invece il nome dell’applicazione che consentirà di pilotare il

Speciale: Tutto sui droni
quadricottero Parrot AR.Drone 2.0, utilizzando un tablet Windows 8. Il software sarà disponibile gratuitamente sul Windows Store tra due settimane circa, mentre la versione per Windows Phone 8 arriverà all’inizio del prossimo anno. Gli utenti potranno seguire sul display del tablet le evoluzioni del drone attraverso gli “occhi” della sua videocamera.

Il codice sorgente dell’app (attualmente in beta) è stato pubblicato sulla piattaforma open source GitHub.